Russia
20 giugno 2022

“Il mondo si è effettivamente livellato”: il rappresentante speciale di Putin ha annunciato la fine della globalizzazione


L'inviato speciale di Putin, Dmitry Peskov, ha suggerito che la Russia diventi un'"isola" di tecnologie

https://m.gazeta.ru


Dmitry Peskov, l'inviato presidenziale per lo sviluppo digitale, ritiene che la Russia abbia bisogno della sovranità tecnologica per sopravvivere. A suo avviso, il Paese attende l'"islandizzazione" della produzione, quando tutti i beni ed i servizi necessari saranno prodotti all'interno dello Stato.


sovranità tecnologica

Dmitry Peskov ha osservato che nessun paese al mondo ha ancora la sovranità tecnologica, che, a suo avviso, è necessaria per la "sopravvivenza" dei grandi stati "nei prossimi decenni".

L'inviato speciale di Putin ha proposto una strategia dell'"isola tecnologica".

Rappresentante speciale del Presidente russo per lo sviluppo digitale e tecnologico...


Cos'è la sovranità tecnologica? Questa viene meno quando nessuno può disabilitare ApplePay sul tuo telefono. E la mancanza di sovranità tecnologica è quando in qualsiasi momento il messenger in cui stai attualmente chattando può essere disattivato. In precedenza, questo era percepito come una fantasia, ma oggi è una realtà, un rischio e una minaccia”, ha scritto Peskov in un articolo per RBC.

Secondo lui, nel 2020 “il mondo si è effettivamente azzerato”. E ora ci sono quattro scenari per lo sviluppo dei paesi. Il primo è il “Nazionalismo della Nuova Sinistra”, con gli slogan “porta via e dividi” iniziano a risuonare nei paesi, dominano le idee di uguaglianza universale e “primato dell'economia nazionale”. Come esempio di tale strategia, l'esperto ha citato le frasi “America first”, “India make” e “China above all”.


Il secondo scenario, per il rappresentante speciale del leader russo è chiamato “Post-capitalismo verde”, quando i paesi si stanno allontanando “dal modello del fare soldi diretti” e prestano attenzione all'ambiente e all'impronta di carbonio.

Un altro scenario è l'“Islandizzazione”, la divisione dei grandi blocchi tecno-economici. E l'ultimo, forse il più interessante, è l'“Emivita, quando entriamo nel periodo del crollo delle istituzioni internazionali”, ha aggiunto Peskov.


"isolamento"

A suo avviso, lo scenario “più probabile” per la Russia nei prossimi anni è quello dell'“islandizzazione”.

Praticamente è garantito: il crollo del globalismo e la fine del sistema di sicurezza globale del XX secolo. Il Riavvio dei mercati tecnologici globali, la nazionalizzazione degli standard tecnici, la rilocalizzazione della produzione di beni critici. Ovvero, i paesi, tutti i grandi blocchi tecno-economici vorranno produrre cibo, medicinali e quant'altro sul proprio territorio”, ha spiegato l'esperto.


Per raggiungere questo obiettivo, la Russia ha bisogno della sovranità tecnologica, ha affermato.

La sovranità tecnologica è la realizzazione di una parte del nostro scenario su come costruire la nostra “isola”, della quale siamo responsabili, siamo adulti, prendiamo decisioni, ne siamo consapevoli. Questa è la storia principale per i prossimi 10 anni per noi, e anche per paesi come Stati Uniti, Cina e forse l'India”, ha affermato il rappresentante speciale del presidente russo.


Ha osservato che sulla strada per raggiungere la sovranità tecnologica, il Paese dovrà rispondere all'agenda “verde”, creare il proprio blocco tecnico-economico, un pacchetto di esportazione di prodotti agricoli, una nuova generazione di corridoi logistici di trasporto tra la Russia e i paesi dell'Asia, oltre a stabilire “esportazioni di sicurezza globale” e risolvere “problemi di capitale umano”. L'esperto ha aggiunto che mentre i compiti possono sembrare impossibili, non lo sono.

Crede anche che una nuova Guerra Fredda sia iniziata quest'anno.

Sovranità cognitiva

Non ha senso fare tecnologia senza risolvere il problema della sovranità cognitiva. La sovranità cognitiva è quando il significato di qualcun altro non può essere messo nella tua testa e hai sufficienti tue capacità analitiche per separare ciò di cui hai veramente bisogno da ciò che ti viene imposto dagli estranei”, ha scritto Peskov.

Crede che negli ultimi 20 anni in Russia la sovranità cognitiva sia stata “praticamente assente” e siano state imposte al Paese pratiche economiche, tecnologiche ed educative inappropriate, “tossiche”.


Ai dipendenti pubblici verrà insegnato a usare l'intelligenza artificiale

Dialog e la Graduate School of Public Administration dell'Università statale di Mosca stanno lanciando un programma di master congiunto...



La sovranità tecnologica deve risolvere problemi semplici: fornire sicurezza, ricevere energia, indipendenza alimentare, beni essenziali, connettività dei trasporti, produzione di informazioni, accesso ai mezzi di produzione dei mezzi di produzione”, ha sottolineato il rappresentante speciale del presidente.

È sicuro che anche la Russia dovrebbe avere i propri programmi separati per lo studio dei motori e le tecnologie climatiche. E “il ruolo della tecnologia sta diventando così grande che venderli per soldi è un crimine”. Allo stesso tempo, Peskov ha sottolineato che il Paese non dovrebbe essere isolato dal mondo.

Il futuro è ovviamente fatto di accordi speculari. Qualcuno ha il processore di cui abbiamo bisogno e noi abbiamo i razzi di cui lui ha bisogno. Scambiamo missili con processori, ma in modo tale che anche la ricerca e lo sviluppo venga scambiata e che il funzionamento di un sistema in un paese sia legato a un altro sistema di un altro paese”, ha suggerito Peskov.

Ha concluso che in Russia “dovrebbe esserci una seconda industria” che fa affidamento “non su ministeri e società, ma direttamente su team di sviluppo, società tecnologiche di medie dimensioni e università”.









...







.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito