Economia
14 maggio 2022

Powell dice che non può promettere un "atterraggio morbido" ed evitare la recessione mentre la Fed combatte l'inflazione


Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato giovedì che le persistenti interruzioni della catena di approvvigionamento e gli "enormi eventi geopolitici che accadono in tutto il mondo potrebbero sventare i tentativi della Fed di progettare un cosiddetto "atterraggio morbido" per l'economia statunitense. Questa dichiarazione del capo della banca centrale equivale ad un’ammissione della probabile recessione. Powell ha fatto le osservazioni in un'intervista su Marketplace di NPR, in cui gli è stato chiesto se è più preoccupato per la prospettiva di un'inflazione elevata che persiste o per l'idea che la risposta restrittiva monetaria della Fed all'aumento dei prezzi potrebbe innescare una recessione. “È un ambiente molto difficile per fare politica monetaria”, ha risposto Powell. “Il nostro obiettivo, ovviamente, è riportare l'inflazione al 2% senza che l'economia entri in recessione o, per dirla in questo modo, con il mercato del lavoro che rimane abbastanza forte”. Definendo la stabilità dei prezzi il “fondamento” su cui poggia l'economia, Powell ha insistito sul fatto che l'obiettivo chiave della Fed è domare i prezzi che salgono vertiginosamente, affermando che “nulla nell'economia funziona” a meno che l'inflazione non sia frenata.

Pronti a fare di più” Powell ha ribadito la sua aspettativa che la Fed avrebbe inasprito le impostazioni monetarie aumentando i tassi di 50 punti base nei prossimi due incontri, ma ha aggiunto che la banca centrale è pronta ad agire in modo più aggressivo se le condizioni lo giustificano. “Abbiamo una serie di aspettative sull'economia. Se le cose andranno meglio di quanto ci aspettiamo, allora siamo pronti a fare minori interventi. Se andranno peggio di quanto ci aspettiamo, allora siamo pronti a fare di più”, ha detto Powell, sollevando una domanda sul fatto che la Fed considererebbe un aumento di 75 punti base, cosa che ha rifiutato di fare, dicendo solo che i politici “si adatterebbero ai dati in arrivo e alle prospettive in evoluzione”. A Powell è stato quindi chiesto un percorso verso “questo mitico atterraggio morbido”, in cui l'inasprimento delle politiche non fa precipitare l'economia in una recessione. “Sarà una sfida, non sarà facile”, ha risposto Powell, ammettendo che “sarebbe stato meglio” iniziare ad aumentare i tassi prima di marzo. Atterraggio morbido Affrontando le sfide, il capo della Fed ha affermato che la politica monetaria può raffreddare la domanda in aumento, che fa parte del puzzle inflazionistico, ma che la banca centrale non ha strumenti per affrontare i fattori dal lato dell'offerta. “L'offerta è una parte importante della storia, qui. Ma più di questo, ci sono eventi enormi, eventi geopolitici in corso in tutto il mondo, che giocheranno un ruolo molto importante nell'economia nel prossimo anno”, ha detto Powell. “Quindi la domanda se possiamo eseguire un atterraggio morbido o meno, potrebbe effettivamente dipendere da fattori che non controlliamo. Ma dovremmo controllare il controllabile. E quello che controlliamo è che c'è un lavoro da fare su richiesta, la domanda è fuori controllo rispetto all'offerta”. Powell ha affermato che i responsabili politici della Fed cercheranno di “moderare la domanda in modo da consentire al mercato del lavoro di tornare in equilibrio e aiutare l'inflazione a tornare al 2 per cento”. La ripresa economica post-pandemia, unita alla dinamica delle “Grandi Dimissioni”, ha portato a una situazione in cui le opportunità di lavoro sono aumentate a livelli record, così come il numero di persone che hanno lasciato. Ora ci sono circa due opportunità di lavoro per ogni disoccupato, esercitando una pressione al rialzo sui salari mentre le aziende lottano per attrarre e trattenere i lavoratori. “I salari stanno salendo a livelli insostenibili e non coerenti con una bassa inflazione. E quindi quello che dobbiamo fare è ridurre la domanda, dare all'offerta la possibilità di riprendersi e far sì che si allineino”, ha affermato Powell.

Alla domanda di riassumere in non più di cinque parole la sua preoccupazione principale, Powell ha detto: “riportare l'inflazione sotto controllo”.


Picco di inflazione

L'inflazione, come risulta dai dati principali dell'indice dei prezzi al consumo (CPI), ha mostrato che i prezzi sono aumentati a un ritmo annuo leggermente inferiore dell'8,3% ad aprile rispetto a un ritmo dell'8,5% a marzo, spingendo alcuni analisti a suggerire che il picco dell'inflazione è arrivato e il ritmo di crescita dei prezzi comincerebbe a diminuire. Altri non sono così sicuri. L'analista finanziario capo di Bankrate Greg McBride ha dichiarato a The Epoch Times in una e-mail che secondo lui l'inflazione è maggiore, mentre mette in guardia da una lettura erronea riguardo al calo dei dati principali dell'IPC secondo la quale l'inflazione avrebbe raggiunto il picco massimo. “Il ritmo degli aumenti dei prezzi è stato moderato, ma non quanto previsto. Escludendo un calo dei prezzi dell'energia, che a questo punto sembra superato, gli aumenti rimangono diffusi”, ha affermato McBride. “Con il tasso annuo che scende dall'8,5 percento all'8,3 percento, si può essere tentati di dire che abbiamo visto il picco, ma siamo stati anche ingannati prima, come è avvenuto lo scorso agosto”. Mentre i dati principali sull'inflazione CPI hanno mostrato una moderazione delle pressioni sui prezzi, una misura delle pressioni inflazionistiche sottostanti ha subito un'accelerazione, suggerendo un maggiore rialzo per la crescita dei prezzi.

Il nucleo centrale dell'inflazione, che esclude le categorie volatili come cibo ed energia, vista dagli economisti come una misura più accurata rispetto alle pressioni inflazionistiche sottostanti, ha accelerato il suo ritmo ad aprile.


Sia su base annua che su base mensile il mese scorso, l'inflazione nei suoi elementi centrali fondamentali, è aumentata rispettivamente al 6,2% e allo 0,6%. La lettura mensile dell'inflazione reale, in particolare, è stata il doppio del ritmo dello 0,3% registrato a marzo, suggerendo che le pressioni inflazionistiche potrebbero non aver raggiunto il picco.


Crisi del costo della vita”

Il consigliere economico capo di Allianz Mohamed El-Erian ha avvertito in una recente intervista che il problema dell'inflazione negli Stati Uniti si trasformerà invariabilmente in una crisi del costo della vita poiché le pressioni sui prezzi si allargano a più categorie, erodendo ulteriormente i guadagni salariali di molte famiglie americane anche con una reale diminuzione del potere di acquisto. I salari nominali, che non sono adeguati all'inflazione, sono aumentati del 5,5% nell'anno fino ad aprile, ma il ritmo più rapido dell'8,3% di crescita dei prezzi al consumo significa che i salari reali corretti per l'inflazione sono effettivamente diminuiti del 2,8%. In un'intervista su Squawk Box della CNBC l'11 maggio, a El-Erian è stato chiesto del calo dei salari reali ad aprile e quali sono le implicazioni per l'economia dell'inflazione che supera i guadagni salariali e rende i prodotti meno convenienti per le famiglie americane. “È allora che un problema di inflazione diventa anche un problema di crescita. Come mai? Convenienza. La misura in cui i prezzi elevati distruggono la domanda”, ha risposto l'economista. “È solo questione di tempo prima che si parli di una crisi del costo della vita, ed è proprio di questo che si tratta”, ha insistito.








...







.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito