Russia
10 maggio 2022

La Russia presenta alle Nazioni Unite vaste prove dei crimini commessi dall’esercito ucraino. Tra i testimoni, Giorgio Bianchi


La situazione in Ucraina - Riunione Arria-formula del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite organizzata dalla Missione Permanente della Federazione Russa | UN Web TV


https://media.un.org/en/asset/k1p/k1pvngjn8e


La Russia presenta all'ONU vaste prove di crimini dell'esercito ucraino

In una riunione informale "formula Arria" del Consiglio di sicurezza dell'ONU venerdì 6 maggio i diplomatici russi hanno mostrato interviste video di civili ucraini che erano riusciti a fuggire dalla zona delle ostilità


In una riunione informale "formula Arria" del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, venerdì 6 maggio, i diplomatici russi hanno presentato vaste prove dei crimini commessi dall'esercito ucraino e dai gruppi nazionalisti, che in particolare hanno ostacolato l'evacuazione della popolazione civile. L'ambasciatore russo Vasily Nebenzya ha sottolineato che le autorità ucraine e i loro sponsor occidentali stanno facendo del loro meglio per evitare che questa triste verità venga alla luce.

Nebenzya ha chiesto alle sue controparti straniere di prestare la dovuta attenzione al fatto che l'esercito ucraino ha ripetutamente dispiegato armi pesanti nelle zone residenziali e ha usato i civili come scud
i umani, il che è una violazione del diritto umanitario internazionale.

“Abbiamo abbastanza ragioni per credere che tutti questi principi siano sistematicamente violati dall'esercito e dai paramilitari ucraini. Ci sono molte testimonianze di come l'esercito ucraino usa i civili come ostaggi e scudo umano”, ha detto.

I presenti alla riunione sono stati informati sulla tattica dell'esercito ucraino di creare postazioni di fuoco all'interno di condomini e infrastrutture civili. Carri armati e altri veicoli blindati sono collocati ai piani terra, e cecchini, missili portatili e armi pesanti sono posizionati sul tetto, con i civili pacifici letteralmente intrappolati
da loro.

I diplomatici russi hanno mostrato interviste video di civili ucraini che erano riusciti a fuggire dalla zona delle ostilità. Molti hanno testimoniato che l'esercito ucraino aveva aperto il fuoco sulle auto di coloro che cercavano di utilizzare i corridoi umanitari per l'evacuazione. Una donna residente a Mariupol ha respinto con enfasi le voci che l'esercito russo fosse responsabile dell'esplosione nel teatro di Mariupol.

Testimonianze di giornalisti
Diversi giornalisti hanno condiviso con il pubblico le loro impressioni di prima mano di diverse settimane trascorse nelle Repubbliche di Donetsk e Lugansk e nei territori controllati dall'esercito russo.

Il giornalista e documentarista italiano Giorgio Bianchi ha detto che la disinformazione e la propaganda hanno solo ritardato la risoluzione del conflitto.

“Sono un europeo. Non voglio che si diffondano notizie false sull'Europa”, ha detto. Come esempio di tali falsità, ha citato le accuse di un attacco russo contro il teatro di Mariupol.

La giornalista bulgara Asya Zuan, dell'agenzia di stampa
News Front, ha detto che ha potuto vedere con i suoi occhi che la gente delle repubbliche di Donetsk e Lugansk non ha mai voluto che la crisi in Ucraina diventasse una guerra. Ha esortato le autorità del suo paese a smettere di fare qualsiasi cosa che possa causare un'escalation del conflitto.

Il capo dell'ufficio dell'emittente televisiva libanese
Al Mayadeen a Mosca, Salyam Adil, ha sottolineato che c'è una grande differenza tra la percezione degli eventi da luoghi sicuri a centinaia di chilometri di distanza dal luogo del conflitto e ciò che sta realmente accadendo sul terreno. Ha detto che la situazione era troppo drammatica per tollerare qualsiasi tentativo di diffondere accuse che non hanno nulla a che fare con la realtà.

Alcuni giornalisti hanno mostrato i loro rapporti e interviste con persone nelle repubbliche di Donetsk e Lugansk, compresa la città di Mariupol. Ognuno degli intervistati ha condiviso ricordi personali di come i soldati ucraini e i membri del battaglione Azov hanno bombardato le case, messo in pericolo la vita dei civili e dispiegato le armi nelle zone residenziali.

“Oggi non stiamo parlando a nostro nome. Stiamo solo dando la parola a persone che hanno vissuto ciò che stava accadendo lì, in prima linea, per lasciare che spieghino come sono sopravvissuti e chi realmente ha commesso atrocità lì. Ogni singola parola che state ascoltando è loro, non nostra. Se non volete ascoltarli, è un altro discorso. Se stare in silenzio vi fa sentire più a vostro agio - è una vostra scelta. Ma lo scopo dell'evento di oggi è di dare voce a coloro che possono testimoniare, e non di diffondere propaganda”, ha detto Nebenzya ai rappresentanti dei paesi occidentali che hanno cercato di sostenere che la Russia stava diffondendo disinformazione.


https://tass.com/politics/1448191








...







.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito