Elezioni USA 2020


31 gennaio 2021
Come hanno rubato a Donald J. Trump la Casa Bianca

Come Donald J. Trump ha perso la Casa Bianca, Introduzione: perché sono stato coinvolto prima del 3 novembre e cosa ho imparato perché ero (1.3)



di Patrick Byrne


L'ultimo giorno di luglio 2020 un mio caro amico del Montana, un nativo americano imperturbabile, di diversi anni più giovane di me, è venuto a trovarmi a casa mia nello Utah per controllare la mia salute. Alcune settimane prima ho subito un intervento chirurgico al midollo spinale, poiché una delle mie gambe era rimasta paralizzata durante i mesi della pandemia. Mi ha detto che c'era un gruppo di persone, alcuni ex federali altri no, alcuni cyber-esperti e altri di varia competenza, che si stavano organizzando in materia di frode elettorale. Il mio amico era irremovibile nel fatto che fossi coinvolto e li aiutassi. Il mio amico era un individuo piuttosto squadrato e ho sempre preso sul serio i suoi consigli e le sue richieste. Il giorno successivo, il 1° agosto, il mio amico è morto in un incidente aereo. Poiché la coincidenza era preoccupante, l'ho esaminata personalmente (sono un pilota di diversi tipi di aerei e anche idrovolanti). Mi sembra che sia stato l'errore del suo istruttore, che ha fatto volare l'aereo in un canyon del Montana senza la possibilità di poter salire in modo verticale. Al funerale del mio amico ho incontrato alcune delle persone che aveva descritto. Un uomo sobrio e tranquillo con un passato nella FEMA (Federal Emergency Management Administration – l’equivalente della nostra Protezione Civile) e una profonda conoscenza della guerra biologica; un colonnello dell'esercito in pensione con esperienza nell'intelligence militare, inclusi gli psyops; altri uomini e donne con esperienze in tutto, dalle forze dell'ordine alle operazioni cibernetiche in contesti militari e a sostegno delle forze dell'ordine (come, più recentemente, che operano contro i circuiti di traffico di esseri umani nel sud-ovest) che studiano come fare una frode elettorale di massa capovolgendo l’esito del voto. Perché si era scoperto che c'erano alcune irregolarità nelle elezioni di Dallas del 2018 che avevano generato una rete di cyber-entusiasti sulle frodi elettorali. Erano convinti che la frode elettorale su scala industriale fosse possibile e in corso. Presto dei personaggi importanti sono venuti e mi hanno visto nello Utah, e io, ancora in ripresa dall’intervento chirurgico, stavo muovendomi per incontrarli in altre città.

Scriverò gli "hacker dal cappello bianco". Devo chiarire che mi riferisco a persone che non solo seguono la legge, ma operano generalmente sotto l'autorità e la direzione delle forze dell'ordine, o sotto contratto con le forze dell'ordine a livello statale e federale. Esiste una certificazione per lavorare nel campo della cyber-forense, una certificazione che significa che è possibile aprire (crackare) e creare immagini di dischi rigidi (nel linguaggio informatico si dice “crackare” anche quando si creano codici falsi che fanno funzionare i sistemi come fossero codici legali), eseguire analisi forensi su di essi, costruire dichiarazioni giurate e produrre lavori ammissibili in tribunale. A volte vengono utilizzati dalle forze dell'ordine in missioni informatiche offensive (ad esempio, smantellamento di una rete di traffico di minori / pornografia).

Gli "hacker dal cappello bianco" di cui scrivo sono persone con tali capacità, ma che operano sotto contratto con le forze dell'ordine facendo cose che le forze dell'ordine devono fare ma che sono generalmente al di là delle capacità interne delle forze dell'ordine. Nel corso dei successivi due mesi sono stato introdotto da questi “hacker dal cappello bianco” a conoscere le violazioni di sicurezza della tecnologia utilizzata nelle apparecchiature elettorali. Ovviamente esistevano vulnerabilità, come

(per questo video CNET, "Gli hacker prendono di mira 30 macchine per il voto a Defcon” https://www.youtube.com/watch?v=I9ky-sfkOmk), l'esistenza di porte R232 in modo tale che qualsiasi tecnico in grado di creare un collegamento otterrà accesso a livello di root (sta per Operatore primario del computer a livello informatico) alla macchina senza un password (compromettendo così per sempre la macchina).

https://www.youtube.com/watch?v=I9ky-sfkOmk&feature=emb_logo


Slot nelle schede madri che dovrebbero essere chiuse, ma che sono aperte (in modo che chiunque possa inserire un chip in quello slot per pochi secondi può compromettere la macchina per sempre).


Guarda CNN Tech (2017) https://www.youtube.com/watch?v=HA2DWMHgLnc


Strane violazioni di una buona pratica informatica, come un database dall'architettura strana all'interno della macchina, con tre diversi livelli ma senza integrità tra i livelli. Registri di controllo che erano modificabili dagli amministratori del distretto (rendendoli non "registri di controllo" affatto) e privi di sistemi di numerazione fissi che potrebbero rivelare manomissioni. Vorrei sottolineare che un anno fa questa non era considerata una questione di parte. Volevamo tutti che le elezioni fossero eque, libere e trasparenti, e tutti noi nutrivamo profondi dubbi sulla nostra posizione grazie a queste nuove macchine. Ecco un bel video e una storia di 4 minuti dal New York Times del 2018: “Ho violato un'elezione. Così possono posso fare i russi"

https://www.nytimes.com/2018/04/05/opinion/election-voting-machine-hacking-russians.html


Tutti gli esperti di sicurezza informatica che hanno pensato alle macchine per il voto elettronico sono d'accordo. Le macchine per il voto elettronico ... si sono rivelate un'idea orribile. Queste macchine devono sparire ... per risolvere il problema dell'integrità del voto degli americani. Perché le persone come me possono hackerarle fin troppo facilmente. Sono un informatico che ha hackerato molte macchine per il voto elettronico ... Immagina cosa possono fare i russi e i nordcoreani ... La nostra infrastruttura elettorale altamente informatizzata è vulnerabile al sabotaggio e persino ai cyber - attacchi”.

Così scriveva lo stesso New York Times mentre adesso, due anni dopo, per questi signori persino menzionare una possibilità di frode è vietato.

Da Bloomberg, novembre 2019: "Le macchine per il voto costose e fallaci espongono ai rischi di hackeraggio del 2020: le schede cartacee possono essere più sicure ed economiche, ma i funzionari locali vanno in estasi davanti alle apparecchiature digitali". È stato ampiamente riconosciuto nel mondo tecnico. Guarda questa storia di 7 minuti "Voting Machine Hacks at DefCon".

https://www.youtube.com/watch?v=jBA3nH-b-NE


Ecco la CNN nel 2019: "Guarda questo hacker entrare in una macchina per il voto: alla più grande convention di hacker al mondo, le macchine per il voto sono state capovolte mentre gli hacker hanno dimostrato quanto sia facile interrompere la democrazia".

https://edition.cnn.com/videos/business/2019/08/10/voting-booth-hack-def-con-orig.cnn-business

Da NBC News, gennaio 2020: “Online e vulnerabile": ‘gli esperti trovano quasi tre dozzine di sistemi di voto connessi a Internet negli Stati Uniti”. Dal The Guardian britannico giornale di centrosinistra, questo nel marzo 2020 (dieci mesi fa mentre scrivo): “Truccare il voto: un film terrificante mostra quanto siano vulnerabili le elezioni americane”. Questa era una recensione del documentario della HBO "Kill Chain: la guerra informatica nelle elezioni americane", apparso a marzo 2020. L'opinione del Guardian era che il caso del documentario fosse orribile ma sono state fatte delle buone segnalazioni nel servizio. Si noti che nel fare queste affermazioni adesso come quelle che abbiamo fatto per 10 mesi, documentate dalla HBO e lodate dal Guardian, oggi si viene banditi dai social media e sarà illegale ai sensi del nuovo disegno di legge dei Democratici per combattere il "terrorismo interno".

Da Mother Jones, settembre 2019: "I ricercatori hanno assemblato oltre 100 macchine per il voto. Gli hacker hanno fatto irruzione in ognuna di loro. Un esercizio di cybersecurity mette in luce le vulnerabilità nuove e non affrontate che stanno facendo a pezzi i sistemi elettorali statunitensi ”[enfasi mia].

Infine, Fox del 2020: "Il professore di Princeton ha hackerato la macchina di Dominion Voting in sette minuti".


Un giorno ho chiesto agli hacker del “cappello bianco” coi quali stavo facendo conoscenza e che mi stavano aggiornando su questi problemi di sicurezza permeabile delle macchine per il voto, di valutare per me la sicurezza di questi sistemi. Ho dato loro da 1 (= "peggiore") a 10 (= "migliore"), di questi sistemi. La loro risposta ponderata: "2, forse un 1". Quindi permettetemi di sottolineare che a partire da settembre 2020, probabilmente non c'era un solo argomento che si potesse trovare con una tale unanimità di coscienza in tutto lo spettro politico, come la vulnerabilità alle frodi elettorali di massa. Da Mother Jones a CNET a Bloomberg alla CNN al New York Times a Fox, il nostro mondo era in un raro e completo accordo sull'argomento. Solo quattro mesi fa, la preoccupazione per la possibilità di frodi elettorali di massa ha goduto del più ampio consenso di qualsiasi argomento nella nostra società a cui si possa pensare. Sembra degno di menzione ora, dato che la sua possibilità si sta esaurendo nel buco della memoria orwelliana. Oltre a questi tipi di truffe, hanno cominciato a presentarmi altri "hack" intesi in un senso più ampio. Gli straordinari privilegi di cui godono gli amministratori di distretto, ad esempio, di trattenre e rilasciare centinaia di schede in attesa di aggiudicazione (un punto confermato nel manuale operativo della macchina). Si è discusso di picchi nel traffico di pacchetti offshore verso determinate località durante le elezioni, sebbene le ragioni complete di ciò non fossero ancora del tutto comprese. Una tecnica che mi è stata spiegata prima delle elezioni, è finita per essere oggetto di un video di Gateway Pundit dopo le elezioni:



Con il passare delle settimane tra la fine dell'estate e l'autunno, sono diventato sempre più cordiale con personaggi convinti che fossimo sull'orlo di un enorme furto elettorale. Avevano riunioni organizzate con il DHS Dipartimento di sicurezza Interna) nel loro stato, e le istruzioni sono state prese almeno due volte a settembre dal DHS e sono arrivati fino alla catena di comando…. per essere poi fermati da Washington. In particolare, una parte del DHS chiamata CISA ("Cybsecurity & Infrastructure Security Agency") ha messo il kibosh (la parola fine) su ulteriori incontri. Questo è stato strano perché la sicurezza elettorale rientra nel loro mandato: si sarebbe potuto pensare che potessero essere interessati. E lasciatemi ricordare al lettore che non si trattava solo di un gruppo di disadattati ("pajamahadeen" come talvolta vengono chiamati): si trattava di professionisti con un ampio background federale, con tutti i tipi di esperienze e certificazioni in materia di cyber. Poi il 3 novembre, la notte delle elezioni, accadde tutto quello che mi avevano predetto. Per ora, permettetemi di limitarmi a una breve descrizione delle stranezze accumulate, che erano tutte istanze di cose che avevano predetto che avrebbero potuto verificarsi. Chiedete al vostro professore locale di scienze politiche di spiegare perché è il caso che per rubare le elezioni nazionali non servono "frodi elettorali diffuse". Se il professore è onesto, sentirai: "Perché invece di una diffusa frode elettorale, ci vuole solo una profonda frode elettorale in sei città per capovolgere gli stati altalenanti in cui si trovano, per ribaltare così il collegio elettorale e quindi rubare le elezioni a livello nazionale . Quelle città sono Atlanta, Filadelfia, Detroit, Milwaukee, Phoenix e Las Vegas ". E voi, sapete, il 3 novembre, notte delle elezioni, il conteggio dei voti proprio in quelle sei città ha avuto svolte senza precedenti. Come ha detto elegantemente James Woods, "Da quando smettono di contare i voti nel giorno delle elezioni in America”? Eppure ciò è accaduto in vari modi proprio in quelle sei città (è difficile da ricordare ora, ma all'inizio di novembre sembrava strano a tutti che avessero smesso di contare i voti il giorno delle elezioni in quelle città, anche se da allora è stato normalizzato). Nella State Farm Arena di Atlanta, una "interruzione della condotta principale dell’acqua" ha costretto all'evacuazione dell'area di conteggio dei voti dell'arena: in seguito il guasto si è rivelato falso ("BUSTED: Evidence Proves 'Burst Water Pipe' In Georgia è stato usato per coprire il conteggio dei voti segreti"). Nelle poche ore in cui il conteggio è stato "chiuso", centinaia di migliaia di voti falsi sono stati introdotti nel sistema. La "rottura della conduttura dell'acqua" si è rivelata essere un orinatoio che era traboccato ("Reported Burst Pipe in Atlanta Ballot-Count Area What - Traboccante Orinatoio: dice l’Investigatore"). In una posizione, più telecamere di sicurezza hanno catturato immagini dove alcuni scrutatori afferravano valigie di schede elettorali dal nascondiglio e le inserivano nelle macchine mentre il conteggio era ufficialmente interrotto e tutti gli altri erano stati cacciati dalla zona. Alcune di queste città hanno visto i sicari allontanare gli osservatori dai centri di conteggio dei voti per ragioni incomprensibili, mentre altre hanno registrato che venivano messi i cartoni alle finestre per impedire agli osservatori dei sondaggi di essere in grado di osservare.



Nei giorni successivi alle elezioni il sospetto che si stessero verificando cose spiacevoli era onnipresente. I sospetti erano concentrati sul voto di Dominion ("Le macchine della società Dominion coprono milioni di elettori, ma guarda quanto è facile manipolare una di loro" Western Journal, 13 novembre 2020). Tuttavia, a mio parere, tale attenzione non apprezza sufficientemente la vera natura della questione della frode elettorale negli Stati Uniti, la sua portata e varietà. Nel giro di pochi giorni, i cyber team con cui mi trovavo hanno trovato dati che mostravano cosa era successo in quelle finestre in cui il conteggio era stato "interrotto": centinaia di migliaia di schede erano state iniettate, spesso con il 99,4% e persino il 100% di Biden.



>>>articolo originale online>>>

tutte le news>>>















.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito