Elezioni USA 2020

24 gennaio 2021
La Corte Suprema sta trasformando la costituzione in uno sgabello a due gambe

La Corte Suprema sta trasformando la costituzione in uno sgabello a due gambe non riuscendo a giudicare la causa del Texas


Il rifiuto della Corte Suprema degli Stati Uniti di ascoltare la causa del Texas e di altri 17 stati contro quattro stati (Georgia, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin) che avrebbero dovuto non aver condotto elezioni presidenziali eque, sulla base della mancanza di legittimazione del Texas, è una grave abdicazione. L'affermazione del Texas e degli altri stati era che la mancata protezione contro il voto fraudolento su larga scala che influiva sui risultati per ogni stato, e cumulativamente tra gli stati imputati per influenzare il risultato dell'elezione del presidente e del vicepresidente, era un violazione del diritto del Texas a un livello adeguato di garanzia che il processo costituzionale di selezione del presidente e del vicepresidente sia stato veramente seguito. Il procuratore generale della Pennsylvania ha definito la causa in Texas un tentativo "sedizioso" di privare il popolo del suo stato, e i media che odiano Trump hanno dato la solita immersione totale nella presa in giro riflessiva. I processi ufficiali non sono più importanti dell'elezione del presidente; nessun diritto è più fondamentale della garanzia della selezione costituzionale del presidente. La decisione della Corte Suprema può essere vista solo come un altro esempio della sua determinazione sotto John Roberts, giudice capo notoriamente contrario alle controversie, di evitare qualsiasi giudizio che possa produrre una reazione di parte. Questo sembrava essere stato il caso nel determinare che Obamacare fosse una tassa (il che non ha senso). Una cosa è ascoltare un caso e produrre una motivazione dubbia per una decisione, ma qualcos'altro è rifiutare di ascoltare un caso in una questione non di appello ma di giurisdizione originale della Corte Suprema - una controversia tra stati - sulla teoria fatua che il 18 Gli Stati denuncianti non hanno diritto a un livello di comfort elevato che le persone elevate alle cariche nazionali siano state, di fatto, elette costituzionalmente. Questo non è un processo decisionale legale coscienzioso, ed è un fallimento nel riempire il ruolo della magistratura come giudice ultimo della legalità di ciò che accade nel paese. Criminalizzazione delle differenze politiche. Se la Corte Suprema e le corti inferiori non eserciteranno la loro piena responsabilità, la magistratura cessa di essere un ramo coeguale del governo, la Costituzione non può funzionare e la direzione politica del paese è determinata in una competizione sempre più illegale tra le fazioni politiche in i rami esecutivo e legislativo, senza alcun riguardo determinante sulla legalità dei loro comportamenti. Il ruolo della magistratura viene quindi retrocesso a litigare per la criminalizzazione delle differenze politiche - poi cessa di essere solo una questione di legiferare, ma di cacciare l'avversario dalla carica dopo una condanna partigiana di "crimini elevati", un termine che può essere ridefinito per adattarsi all'occasione. Ero uno di quelli (e non eravamo numerosi) che ha sollecitato il capo della giustizia alla fine del farsesco processo di impeachment del presidente Donald Trump a febbraio per inveire sull'invisibilità di tentativi frivoli e vessatori di rimuovere alti funzionari. Sono stato anche uno di quelli che ha messo in guardia i lettori estremamente esigui che avevo allora quasi 50 anni fa durante la controversia sul Watergate, sui pericoli di criminalizzare le differenze politiche nel governo degli Stati Uniti. Ma quel processo è diventato dipendenza e quasi riflessivo. Nessuna prova conclusiva è mai venuta alla luce che il presidente Richard Nixon abbia commesso alcun crimine, sebbene alcuni membri del suo entourage lo abbiano fatto senza dubbio. E non ha scoraggiato un'atmosfera nei circoli interni della Casa Bianca che tollerasse un atteggiamento disinvolto verso il prendersi delle libertà nell'interesse della sicurezza nazionale. Le accuse contro il presidente Bill Clinton non sono mai state sufficientemente gravi da giustificare un processo di impeachment. Non c'erano prove conclusive che Trump avesse fatto ciò di cui era stato accusato di fare nel suo caso di impeachment: abuso di potere e ostruzione al Congresso, e nessuno dei due è un reato impeachabile (qualsiasi presidente che non avrebbe ostacolato questo Congresso è colpevole di negligenza). Anche il primo processo di impeachment presidenziale, di Andrew Johnson nel 1868, fu assurdo: il presidente licenziò un funzionario di gabinetto, per giusta causa. Sarebbe stato del tutto appropriato e molto utile se alla fine del processo di impeachment di Trump, il capo della giustizia avesse dichiarato, nella registrazione del verdetto del Senato, che le molestie frivole e vessatorie di presidenti e altri alti funzionari per ragioni di parte non lo sono nell'interesse del paese. Tali commenti quando i casi vengono respinti non sono rari in questioni meno importanti. Uno sgabello a due gambe Qualcosa alla fine dovrà essere fatto per porre fine a questo processo meretrico e distruttivo di tentare di mobilitare i legislatori di parte per condannare gli oppositori politici dei crimini. Ma a meno che la magistratura non adempia al suo status costituzionale di ramo eguale del governo, è a questa profondità di squallido assassinio incruento che il governo degli Stati Uniti sarà ridotto.


Ora è un paese con una stampa totalitaria, di centro sinistra, e un sistema giudiziario che è politicamente prevenuto o intimidito dalla sinistra, dove, a causa della pusillanimità della Corte Suprema, è ora la legge con cui le elezioni possono essere truccate. nessuna supervisione, tranne all'interno dello stato in cui si è verificato il sartiame. Con una panchina incapace nelle questioni politicamente più importanti, il magnifico triumvirato di rami uguali di governo di Madison degenererà in uno sgabello a due gambe, in cui il presidente sarà un dittatore virtuale quando il suo partito controlla il Congresso, e lo sarà costantemente vulnerabile alle molestie e alla minaccia di una rimozione quasi capricciosa quando i suoi avversari controllano il Congresso. La magistratura sarebbe quindi ridotta essenzialmente ad arbitrare l'immensa massa di contenziosi civili che affligge e strozza la vita quotidiana e commerciale negli Stati Uniti, e ad essere un timbro di gomma per la procura che gode di un tasso di condanne del 98 per cento, più del 95 per cento dei senza processo, nella continua dimostrazione degli abusi delle regole del patteggiamento che consentono ai pubblici ministeri di estorcere e spergiurare senza alcun rischio legale per se stessi o per i testimoni non veritieri (che ricevono l'immunità dalle accuse di falsa testimonianza). Un tale paese, con una magistratura stentata, cadrà presto in uno stato di decrepitezza istituzionale in cui i suoi tribunali più alti non hanno più l'autorità morale per far cadere le sentenze sui leader politici anche se avessero la volontà di farlo. Sarebbe un sistema parlamentare gravemente ostacolato in cui l'esecutivo può servire solo a piacere delle maggioranze legislative ei governi di minoranza vengono licenziati dall'incarico come criminali. Tutto ciò può sembrare un po 'remoto, ma quando la Corte Suprema crea un vuoto abdicando come ha fatto la scorsa settimana, il vuoto creato non attende tranquillamente il ritorno della giustizia; il vuoto sarà riempito dai politici che accrescono il potere nei rami legislativo ed esecutivo e non ci sarà nessuno a mediare o arbitrare tra di loro. Il compito della magistratura è di assicurare il rispetto della Costituzione. Se non gioca quel ruolo, la Costituzione non sarà confermata. Gli Stati Uniti potrebbero infine replicare Roma, dove 22 dei 30 imperatori elevati tra Tiberio e Diocleziano morirono violentemente. Presumibilmente, in questi 17 secoli di decadenza intervenuta, ci sono stati abbastanza raffinamento del pensiero e della pratica politica, che le frettolose partenze dalla presidenza non saranno violente. Se il deterioramento della qualità dei media, dei tribunali, delle elezioni, dei candidati e, almeno superficialmente, anche degli standard culturali del popolo, non è temporaneo, le conseguenze finiranno per distruggere la repubblica americana (confermando il famoso libro di Benjamin Franklin premonizione). Gli Stati Uniti saranno sull'orlo di un precipizio, con tutta la civiltà occidentale precariamente attaccata ad essi.


Conrad Black è stato uno dei più importanti finanzieri canadesi per 40 anni ed è stato uno dei principali editori di giornali al mondo. È autore di autorevoli biografie di Franklin D. Roosevelt e Richard Nixon e, più recentemente, di "Donald J. Trump: A President Like No Other", che è stato ripubblicato in forma aggiornata.








tutte le news>>>















.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito