Covidismo = Nuova religione

15 gennaio 2022
Vergognoso comportamento del governo del paese dei canguri. L'Australia dichiara Djokovic un rischio per l'ordine civile e la salute pubblica
Novak Djokovic è un Serbo, non un servo!
Il governo australiano afferma che la presenza di Novak Djokovic durante le due settimane degli Australian Open potrebbe mettere a rischio vite e ordine civile aumentando il sentimento anti-vax e il disprezzo per le regole del COVID-19. In una radicale riformulazione del caso contro la stella del tennis serbo, il ministro dell'Immigrazione Alex Hawke ammette che Djokovic non vaccinato è entrato in Australia con una valida esenzione medica e presenta un basso rischio di contrarre il virus nel mentre si trova in Australia e il basso rischio di trasmetterlo ad altri a causa della sua recente infezione.

Il furioso dibattito che ha travolto Djokovic negli ultimi 10 giorni – incentrato in un recente attacco di COVID-19 che gli ha fornito una vera esenzione per recarsi in Australia senza essere vaccinato – è stato abbandonato dal governo senza che Hawke abbia nemmeno letto le ampie osservazioni di Djokovic su la domanda. Invece, il caso è ora diretto alla Corte federale e sarà discusso su basi drammaticamente nuove in un'udienza pubblica davanti al giudice David O'Callaghan alle 10:15 di sabato. I motivi dettagliati di Hawke per la sua decisione di annullare il visto di Djokovic per la seconda volta dal suo arrivo in Australia dal 5 gennaio, come riferito da The Age, ritraggono il nove volte vincitore dell'Australian Open come una minaccia sia per la salute pubblica che per l'ordine pubblico. Il ministro descrive Djokovic come un "individuo di alto profilo non vaccinato" che ha pubblicamente indicato la sua opposizione a ricevere l’iniezione e ha dimostrato un "apparente disprezzo" per le regole di base del COVID come l'isolamento dopo un test positivo.

Dato lo status di alto profilo e la posizione di Djokovic come modello nella più ampia comunità sportiva, la sua presenza in Australia può favorire il disprezzo per i requisiti precauzionali dopo aver ricevuto un test COVID-19 positivo in Australia”, ha scritto Hawke. “In particolare, il suo comportamento può incoraggiare o influenzare gli altri a emulare la sua condotta precedente e non rispettare le misure sanitarie appropriate a seguito di un test positivo COVID-19, che di per sé potrebbe portare alla trasmissione della malattia e a gravi rischi per la loro salute e per gli altri”.⁣

Spiegando come un tennista di 34 anni in visita possa essere un rischio per l'ordine pubblico, Hawke sostiene che quando il numero dei casi è in aumento in Australia a causa della diffusione della variante Omicron, persone influenti con modelli di comportamento che mostrano un disprezzo per il pubblico le misure sanitarie possono potenzialmente minare la risposta alla pandemia dei governi federali, statali e territoriali. Riferendosi all'ammissione di Djokovic questa settimana di aver partecipato a un'intervista ai media e a un servizio fotografico in Serbia il 18 dicembre, un giorno dopo aver ricevuto la conferma del suo stato positivo di COVID, il signor Hawke ha dichiarato: “Il signor Djokovic è una persona di grande status che influenza. Considerando le questioni sopra esposte in merito alla condotta del sig. Djokovic dopo aver ricevuto un risultato positivo per il COVID-19, le sue opinioni pubblicamente dichiarate, nonché il suo stato di non vaccinato, ritengo che la sua continua presenza in Australia possa incoraggiare altre persone a ignorare o agire in modo incoerente con i consigli e le politiche di salute pubblica in Australia.

Inoltre, ritengo che la presenza in corso del signor Djokovic in Australia possa portare a un aumento del sentimento anti-vaccinazione generato nella comunità australiana, portando potenzialmente a un aumento dei disordini civili del tipo precedentemente sperimentato in Australia con manifestazioni e proteste che potrebbero essere loro stessi una fonte di trasmissione comunitaria”. Il ministro ha concluso: “Queste questioni vanno alla stessa conservazione della vita e della salute di molti membri della comunità generale e sono inoltre cruciali per il mantenimento del sistema sanitario in Australia, che sta affrontando una tensione crescente nelle attuali circostanze della pandemia”. Per difendere con successo la sua decisione ai sensi della legge sulla immigrazione, il ministro non ha bisogno di dimostrare che tutto ciò si è verificato o accadrà, solo che può a meno che Djokovic non venga rimpatriato in Serbia. L'accusa generale è che Djokovic, finché rimarrà a Melbourne, potrebbe diventare il ragazzo simbolo di un duro movimento anti-vax che ha già organizzato raduni di massa nelle capitali e si è infiltrato nel movimento sindacale e nei partiti politici e ai margini degli affari nazionali. Ciò a sua volta potrebbe portare a una rottura nell'osservanza delle regole di salute pubblica e a più malati da COVID, ricoveri ospedalieri e, infine, decessi.

Eppure, nello stesso documento, il ministro ha riconosciuto che Djokovic non ha tentato di infrangere alcuna legge australiana ed è una "persona di buona reputazione" nota per la sua filantropia. L'avvocato di Djokovic, Nicholas Wood, SC, durante un'udienza preliminare davanti al giudice del tribunale del circuito federale Anthony Kelly nella tarda serata di venerdì, ha descritto le ragioni del ministro come "decisamente diverse" da quelle citate dai funzionari di frontiera all'aeroporto di Melbourne quando inizialmente hanno cancellato il visto di Djokovic e lo hanno messo nel carcere per immigrati. “Quello che fa il ministro è in sostanza è un atto di presunzione a favore di Djokovic in ogni singolo fatto che sarebbe potuto essere un problema in precedenza”, ha affermato Wood. “Il ministro afferma e presume che il signor Djokovic ha rispettato la legge”. Il signor Wood ha affermato che il difetto nell'approccio del ministro è che se considera che la presenza attuale di Djokovic a Melbourne possa suscitare un sentimento anti-vax, non ha preso in considerazione ciò che possa accadere se imporrà la deportazione di Djokovic.

Ha affermato che le implicazioni della deportazione di Djokovic potrebbero essere profonde. “La cancellazione porta all'allontanamento forzato e obbligatorio di quest'uomo che è in regola e che ha una controindicazione medica a un vaccino. Che ha rispettato la legge, che rappresenta un rischio trascurabile per gli altri, espulso dall'Australia ed essere soggetto alle disposizioni di un atto con un regolamento che gli impedirebbero poi di tornare in Australia per i prossimi tre anni, fatta salva la possibilità di esercitare una deroga”.

Una volta che saranno ampiamente conosciute le ragioni, la reazione tra i suoi sostenitori sia qui che in Serbia sarà probabilmente forte. Poco dopo che Djokovic è stato arrestato appena atterrato a Melbourne, suo padre Srdjan ha dichiarato: “L'Australia è diventata una distopia, una presa in giro del mondo libero, trattano Novak Djokovic, mio figlio, il campione del mondo, come un prigioniero politico. Come terrorista a Guantanamo Bay. Lo privano del diritto al gioco, all'individualità, alla libertà di opinione".

Quelle che sembravano le divagazioni di un padre irato ora sembrano idee vagamente preveggenti. Djokovic, non avendo commesso alcun crimine in Australia, rischia la deportazione e questo potrebbe involontariamente ispirare altri che non ha mai incontrato.

Il caso contro Djokovic è passato dall'esaminare i suoi documenti di viaggio al dichiararlo persona non grata finché la pandemia infuria. Chi avrebbe potuto immaginare che il miglior tennista del mondo sarebbe finito in questa storia?


>>>articolo originale online>>>

tutte le news>>>















.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito