Covidismo = Nuova religione

13 gennaio 2022
Nuovi documenti del Pentagono mostrano che il COVID è un'arma biologica prodotta in Cina, pagata e sviluppata da scienziati statunitensi che poi l'hanno coperta applicando politiche di salute pubblica dannose
Nuovi documenti del Pentagono indicano l'origine del COVID-19 come arma biologica cinese sviluppata in laboratorio, con la complicità del governo degli Stati Uniti

*LAWRENCE SELLIN: Nuovi documenti del Pentagono mostrano che il COVID è un'arma biologica prodotta in Cina, pagata e sviluppata da scienziati statunitensi che poi l'hanno coperta applicando politiche di salute pubblica dannose

Come descritto in un articolo di Gateway Pundit lo scorso anno, per oltre 15 anni la Cina ha condotto ricerche sulla guerra biologica su virus geneticamente modificati accoppiati a un programma di produzione di vaccini per proteggere il proprio esercito da quelle armi biologiche prodotte in Cina.

Rimaniamo fermi a questo pensiero per un momento.

Il memorandum appena pubblicato, è stato scritto il 21 agosto 2021 dal maggiore della marina statunitense Joseph Murphy all'ispettore generale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DoD) è altamente rivelatore, sia per ciò che dice che per ciò che non dice.

L'analisi del maggiore Murphy si basa su una domanda di sovvenzione per la ricerca di 14,2 milioni di dollari "Progetto DEFUSE: Disinnescare la minaccia dei coronavirus trasmessi dai pipistrelli" dello scienziato ormai caduto in disgrazia Peter Daszak, capo dell'EcoHealth Alliance, e presentata all'Agenzia per i progetti di ricerca avanzata della difesa del DoD (DARPA), nonché altri documenti a cui non abbiamo ancora accesso. Il team di ricerca di Daszak includeva la "Bat Woman" Zheng-Li Shi del Wuhan Institute of Virology, Ralph Baric dell'Università della Carolina del Nord, Linfa Wang della Duke University-National University of Singapore Medical School, Tonie Rocke degli Stati Uniti Geological Survey National Wildlife Health Center nel Wisconsin e Jerome Unidad del Palo Alto Research Center in California.

Una sintesi del memorandum:

1. "SARS-CoV-2 (COVID-19) è un vaccino per pipistrelli ricombinante creato in America, o il suo virus precursore". L'intento della proposta di Daszak al DARPA era quello di immunizzare i pipistrelli nelle grotte cinesi spruzzandoli con un vaccino a base di coronavirus che avrebbe probabilmente fatto il "salto" dai pipistrelli all'uomo, prevenendo così una pandemia. Suona inverosimile? Attenti, i dettagli peggiorano il racconto. Il team DEFUSE (Disinnescare) raccoglierà un gran numero di coronavirus di pipistrelli dalle grotte cinesi, li testerà per la loro capacità di infettare gli esseri umani, selezionerà quelli che hanno maggiori probabilità di fare il "salto" dai pipistrelli agli esseri umani, analizzerà le loro strutture e mapperà i percorsi evolutivi.

Naturalmente, il concetto di vaccino basato su un modello evolutivo, data la natura altamente imprevedibile delle mutazioni del coronavirus dei pipistrelli, è, a prima vista, scientificamente assurdo. Eppure, se si fossero fermati a quel punto e avessero creato un vaccino per pipistrelli basato su un coronavirus naturale di pipistrello, il progetto sarebbe stato un fallimento, ma almeno non ci sarebbe stata una pandemia

di COVID-19. Hanno pianificato di isolare la proteina spike, il componente dei coronavirus che regola in modo infettivo, e di manipolarla geneticamente per renderla più infettiva per l'uomo e reinserirla nella spina dorsale di un coronavirus di pipistrello come precursore del virus per la produzione di un vaccino per pipistrelli.

Il team DEFUSE scrive dell'introduzione di strutture "specifiche per l'uomo", come i siti di scissione polibasici della furina, dove non si trovano naturalmente, altamente indicativi dello sviluppo di armi biologiche e coerenti con il programma congiunto di sviluppo di agenti patogeni e produzione di vaccini dell'esercito cinese.

La proposta DEFUSE è scritta come fosse una ricetta per il COVID-19.

Alla fine, la proposta Daszak DEFUSE è stata respinta perché includeva una ricerca così pericolosa sul "Gain of Function" (mutazioni attivanti), il cui prodotto aveva anche capacità di duplice uso come arma biologica. Tuttavia, il denaro ha continuato a fluire dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Istituto nazionale di allergie e malattie infettive) di Anthony Fauci, attraverso Peter Daszak, in Cina.

2. Senza fornire le prove su cui si basa la sua conclusione, il maggiore Murphy ha affermato che un virus precursore incompleto è stato rilasciato, presumibilmente per un incidente di laboratorio, nell'agosto 2019 e successivamente, sempre presumibilmente, circolando e mutando all'interno della popolazione cinese fino a raggiungere un'epidemia nello stato produttore a novembre-dicembre 2019.

3. Il maggiore Murphy ha anche messo in dubbio l’obbligo del vaccino del Dipartimento della Difesa, data la potenziale tossicità dei vaccini mRNA basati sulla proteina spike COVID-19, oltre a opporsi alla soppressione ufficiale da parte del governo statunitense di terapie di intervento precoce, come l'ivermectina e l'idrossiclorochina che invece secondo la sua l'analisi si è rivelata efficace per il trattamento delle infezioni da coronavirus.

Sulla base di una preponderanza di prove, il COVID-19 è stato realizzato in un laboratorio in Cina come parte di un programma di guerra biologica, questo è stato facilitato da funzionari del governo statunitense e scienziati con sede negli Stati Uniti, che hanno poi cercato di nascondere la loro complicità e applicato politiche sbagliate per la salute pubblica, che probabilmente hanno portato alla morte non necessaria di centinaia di migliaia di americani.



*Lawrence Sellin, Ph.D. è colonnello della riserva dell'esercito degli Stati Uniti in pensione e un veterano dell'Afghanistan e dell'Iraq. Ha avuto una carriera civile nel mondo degli affari internazionali e nella ricerca medica.


>>>articolo originale online>>>

tutte le news>>>















.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito