.LAST
Il colpo di stato silenzioso contro Donald Trump è emerso in una sala riunioni super sicura


12 gennaio 2022
Il colpo di stato silenzioso contro Donald Trump è emerso in una sala riunioni super sicura
In questa serie quotidiana, Newsweek esplora i passaggi che hanno portato alla rivolta del Campidoglio del 6 gennaio 2021. Nei giorni successivi alle elezioni, i capi di tutte le principali agenzie di sicurezza nazionale erano nervosi. Il segretario alla Difesa Mike Esper, il capo degli stati maggiori delle Forze Armate generale Mark Milley, la direttrice della CIA Gina Haspel, il direttore dell'FBI Christopher Wray: tutti credevano che potessero essere licenziati perché non erano abbastanza fedeli al presidente. Gli addetti ai lavori dell'amministrazione Trump, persino l'ex capo di stato maggiore della Casa Bianca in pensione, il generale John Kelly, hanno detto loro che erano "carne morta". La capacità di assumere e licenziare a piacimento era in gran parte l'unico potere unilaterale rimasto a Donald Trump. Alle 12:54 lunedì 9 novembre, ha twittato di essere lieto di annunciare che Christopher C. Miller, "il rispettatissimo" direttore del National Counterterrorism Center, sarebbe diventato segretario alla Difesa ad interim, "con effetto immediato".

"Mark Esper è stato licenziato", ha twittato Trump. "Vorrei ringraziarlo per il suo servizio". Esper si era opposto al ritiro delle truppe statunitensi dall'Afghanistan, aveva attivamente respinto il desiderio incentrato sul denaro del presidente di ritirarsi dalla NATO e far saltare in aria l'alleanza USA-Corea del Sud. E non era d'accordo con il presidente sul mettere truppe nelle strade d'America per reprimere le manifestazioni legate a George Floyd.

Trump aveva cominciato a odiare Esper, ma era ancora sorprendente per un presidente zoppo licenziare il membro più significativo del gabinetto: il capo civile dell'esercito, la persona nella catena di comando per tutto, incluso il lancio di armi nucleari. Il capo di stato maggiore della Casa Bianca Mark Meadows aveva chiamato Esper in precedenza per dirgli che il presidente non era contento del suo comportamento, che non era stato sufficientemente solidale, che Trump avrebbe annunciato il licenziamento proprio quel giorno. Era solo un testa a testa. Sarai sostituito da Chris Miller, ha detto Meadows. Esper pensò tra sé "Chi?" secondo un racconto in "I Alone Can Fix It" (Solo io posso risolvere questo) di Carol Leonnig e Philip Rucker.

Nello stesso momento in cui il tweet del presidente è uscito, il consigliere per la sicurezza nazionale Robert O'Brien ha chiamato il Pentagono per informare il generale Milley che Miller e il suo assistente principale Kash Patel sarebbero stati presso l'edificio molto presto. E alle 14:15 arrivò Miller. Il nuovo segretario ad interim era un ex ufficiale delle operazioni speciali e si era ritirato dall'esercito nel 2014, lavorando per un appaltatore della difesa prima di entrare alla Casa Bianca due anni prima. Non era vicino al presidente, ma era considerato un membro del suo gruppo fedele: uno dei più leali e quindi più pericolosi agli occhi degli esperti di sicurezza nazionale di Washington. Patel era un ex aiutante del rappresentante Devin Nunes (R-CA) e aveva lavorato con il membro del Congresso durante la sua famosa fuga di notizie - ottenuta dal personale della Casa Bianca - che il governo aveva raccolto informazioni sulla squadra di transizione di Trump e che i loro nomi erano stati "smascherati" e ampiamente condivisi all'interno dell'amministrazione Obama.

Sebbene l'intelligence sia stata raccolta in seguito a un'indagine di controspionaggio russa, Trump ha avuto una giornata campale, sostenendo di essere stato intercettato dal presidente Obama. La fuga di notizie è stata seguita da un promemoria di Nunes in cui si affermava una cospirazione dell'FBI contro il nuovo presidente. Patel è stato l'autore di quel memorandum, passando da assistente al Congresso a vice principale del Direttore dell'intelligence nazionale - una nomina politica - prima di trasferirsi alla Casa Bianca dove, secondo tutti i resoconti, era un back-channel e una spia per Donald Trump, aggirando la normale catena di comando proprio come amava fare il presidente e coinvolgendosi in questioni al di fuori del suo campo di azione formale. E poi è uscito l'annuncio che altri due lealisti di Trump - il generale dell'esercito in pensione Anthony Tata, un esperto di Fox News, ed Ezra Cohen-Watnick, ex assistente del primo consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, il generale in pensione Michael Flynn - erano stati nominati anche loro al vertice del Pentagono.

Alle 14:30 del pomeriggio, Milley ha incontrato gli altri capi militari per un'ora nel Tank, la stanza super sicura dove si possono discutere apertamente questioni e opinioni personali. Per tutto il pomeriggio il suo telefono ha squillato costantemente - membri del Congresso, comandanti sul campo, generali e ammiragli militari in pensione, amici personali, colleghi ufficiali e funzionari della sicurezza nazionale in altri paesi - tutti preoccupati per ciò che il fuoco di Esper avrebbe preannunciato, curiosi di ciò che Trump avrebbe potuto pianificare. In serata, Milley ha incontrato il Segretario di Stato Mike Pompeo, confidandogli di pensare, secondo Bob Woodward e "Peril" di Robert Costa, che Trump fosse in "declino mentale". Pompeo acconsentì. Un colpo di stato stava prendendo piede, ma non necessariamente in qualcosa che il presidente Trump avrebbe o potrebbe effettivamente fare, né da parte dei nuovi incaricati di Trump. Il colpo di stato è stato più da parte del generale Milley e di altri funzionari, i custodi apolitici della sicurezza nazionale. Cominciarono ad agire (per il bene della repubblica, come la vedevano loro), continuando ostinatamente a dirigere i loro dipartimenti, a prendere decisioni sulla situazione interna e in effetti sul mondo, mentre la Casa Bianca era paralizzata dalla sua fissazione sulla frode elettorale.

Alcuni hanno parlato del 25° emendamento, in cui la maggioranza del gabinetto poteva dichiarare il presidente non idoneo e rimuoverlo. Alcuni hanno riflettuto sulle salvaguardie che avrebbero potuto mettere in atto se la situazione fosse peggiorata. Gli alti ufficiali hanno parlato tra loro della loro responsabilità nei confronti della Costituzione e dei loro giuramenti. Nella loro mente, dovevano essere pronti a proteggere il paese; quando Trump è diventato più ossessionato dalle elezioni, ha abbandonato qualsiasi pretesa di governare. La parola "colpo di stato" potrebbe evocare un generale con gli occhiali da sole in piedi su un podio che annuncia che i militari hanno deposto la leadership civile per il bene del paese. Ma aggirare e persino ignorare il comandante in capo e l'amministratore delegato, come hanno fatto i più potenti funzionari della sicurezza della nazione, è stato comunque un colpo di stato.


>>>articolo originale online>>>

tutte le news>>>















.
.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito