Economia

09 gennaio 2022
E MENTRE SIAMO DISTRATTI DAL CIRCO COVID SI PREVEDE UNA CRISI FINANZIARIA SENZA PRECEDENTI
Questi grafici rappresentano le pistole fumanti nei salvataggi di emergenza dei prestiti pronti contro termine nel 2019-2020 operati dalla Fed


Rischio sistemico tra Deutsche Bank e le banche di grande importanza nel sistema finanziario globale (Fonte: rapporto FMI 2016 - "I nodi blu, viola e verde indicano rispettivamente le banche europee, statunitensi e asiatiche. Lo spessore delle frecce cattura i collegamenti totali (sia verso l'interno che verso l'esterno), e la freccia cattura la direzione dell’eccesso netto. La dimensione dei nodi riflette la dimensione dei beni.")


Nove giorni fa la Fed ha pubblicato i nomi delle società di trading di Wall Street che avevano preso in prestito un totale cumulativo di $ 4,5 trilioni di prestiti pronti contro termine di emergenza dalla Fed solo nell'ultimo trimestre del 2019. Dal 17 settembre 2019 al 2 luglio 2020, il le stesse banche avevano preso in prestito un totale cumulativo di $ 11,23 trilioni. La Fed sta lentamente distribuendo i nomi delle banche e gli importi specifici presi in prestito su base trimestrale, dopo che sono trascorsi otto trimestri di tempo. La Fed sta rilasciando le informazioni solo perché la legislazione sulla riforma finanziaria Dodd-Frank del 2010 impone l’obbligo legale alla Fed di farlo. La Fed aveva combattuto una battaglia giudiziaria pluriennale con la stampa dopo la crisi finanziaria del 2008 per mantenere nascosti al popolo americano i suoi salvataggi segreti alle aziende di Wall Street. Per quanto strano possa sembrare, gli stessi organi di stampa che hanno combattuto la Fed in tribunale dopo la crisi finanziaria del 2008 per ottenere i nomi delle banche e gli importi presi in prestito, questa volta hanno invocato un blackout totale delle notizie sulla pubblicazione dei nomi delle banche. Uno dei grandi mutuatari nell'ambito di questa struttura della Fed 2019-2020 non era nemmeno una banca statunitense. L'8 ottobre 2019 la Fed ha condotto un'operazione di prestito (pronti contro termine) repo di un giorno (durante la notte), offrendo 37,5 miliardi di dollari. La Deutsche Bank Securities, un'unità della gigantesca banca tedesca, ha preso due lotti per un totale di 7,5 miliardi di dollari. Lo stesso giorno, Deutsche Bank Securities ha preso altri 3 miliardi di dollari di un prestito repo a 14 giorni offerto dalla Fed, portando il suo prestito totale dalla Fed solo in quel giorno a 11,5 miliardi di dollari. Ma il prestito a termine di 14 giorni che Deutsche Bank Securities aveva precedentemente preso il 27 settembre per 3 miliardi di dollari non era ancora scaduto, quindi in realtà aveva un saldo del prestito della Fed eccezionale a quel punto di 14,5 miliardi di dollari. La Fed, la banca centrale degli Stati Uniti, stava concedendo prestiti di queste dimensioni (sebbene fossero garantiti) all'unità commerciale di una banca straniera in grave difficoltà. L'8 ottobre 2019 sono trascorsi solo 13 giorni dopo che la sede centrale di Deutsche Bank a Francoforte, in Germania, è stata perquisita dalla polizia per la seconda volta in meno di un anno. La polizia stava indagando su una vasta operazione di riciclaggio di denaro in Europa. Il 30 gennaio 2017, Deutsche Bank è stata multata per un totale di 630 milioni di dollari dalle autorità di regolamentazione di Stati Uniti e Regno Unito per aver riciclato oltre 10 miliardi di dollari per conto di investitori russi. Questo non era un momento propizio per Deutsche Bank di apparire sui titoli dei giornali perché avrebbe provocato un'altra irruzione nella sua sede. Era una delle più grandi controparti di derivati, (prendendo l'altro lato delle negoziazioni di derivati) di alcune delle più grandi banche di importanza sistemica del mondo, comprese le più grandi banche statunitensi. Nel giugno 2016, il Fondo monetario internazionale (FMI) ha pubblicato un rapporto in cui rilevava che Deutsche Bank rappresentava la più grande minaccia alla stabilità finanziaria globale rispetto a qualsiasi altra banca a causa delle sue interconnessioni con le mega banche di Wall Street e le grandi banche in Europa. Come illustra il grafico sopra, molte delle banche che mostrano la maggiore interconnessione con Deutsche Bank erano le banche identiche le cui unità di negoziazione stavano prendendo in prestito dalla struttura di prestito di emergenza della Fed nel 2019 e nel 2020. Ma il raid al quartier generale della Deutsche Bank e l'indagine sul riciclaggio di denaro erano ben lontani dalla fine dei problemi di Deutsche Bank. La banca aveva gravi difficoltà finanziarie. Il suo tentativo di fondersi con Commerzbank era fallito nell'aprile 2019. Il 7 luglio 2019 ha annunciato un piano per licenziare 18.000 lavoratori e aveva in programma di creare una buona banca e una bad bank (banca cattiva), spostando i suoi asset tossici che sperava di vendere alla cattiva Banca. Deutsche Bank aveva anche riportato perdite in tre dei quattro anni precedenti. Il prezzo delle sue azioni aveva perso il 90 percento del suo valore nella dozzina di anni precedenti ed era scambiato vicino al minimo storico nel settembre del 2019, quando i prestiti pronti contro termine di emergenza della Fed sono apparsi dal nulla per la prima volta dalla crisi finanziaria del 2008. Il lunedì successivo all'inizio delle operazioni di prestito repo di emergenza, Deutsche Bank ha annunciato che avrebbe trasferito clienti e personale dalla sua unità di prime broker (che concede prestiti agli hedge fund = fondi speculativi) a BNP Paribas insieme alle sue operazioni di trading elettronico.

Come mostra il grafico sopra, JPMorgan Chase, la più grande banca degli Stati Uniti, era fortemente interconnessa con Deutsche Bank. Qualsiasi ricaduta dei problemi alla Deutsche Bank avrebbe avuto "ricadute nette" su JPMorgan Chase. L'unità di negoziazione di JPMorgan Chase, JP Morgan Securities, è diventata uno dei maggiori mutuatari nell'ambito delle strutture di prestito di emergenza della Fed nel 2019. Non sapremo cosa è successo nel 2020 fino a quando la Fed non inizierà a rilasciare i nomi delle banche e gli importi in dollari presi in prestito, ovvero non prima del 31 marzo di quest'anno. C'era anche una correlazione tra il prezzo in calo del prezzo dell'azione di JPMorgan Chase e il prezzo in caduta dell'azione di Deutsche Bank durante alcune delle peggiori sessioni di trading di marzo 2020. Ad esempio, il grafico seguente mostra che venerdì 27 marzo 2020 l'S&P 500 ha perso solo il 3,37% mentre le azioni di JPMorgan Chase e Deutsche Bank hanno perso oltre il 7 per cento, che era di gran lunga superiore alle banche simili come JPMorgan, Bank of America (ticker, BAC), Citigroup (ticker, C), Goldman Sachs (ticker, GS) e Morgan Stanley (ticker, MS).

Prezzo di chiusura dell'indice S&P 500 venerdì 27 marzo 2020, rispetto alle banche di Wall Street


Nonostante ciò che era ovvio per chiunque guardasse i grafici azionari, il presidente della Fed Jerome Powell ha ripetutamente testimoniato alla commissione bancaria del Senato che le megabanche statunitensi sono state "una fonte di forza" durante la crisi finanziaria del 2020. Nei primi sei mesi del 2019, molto prima che ci fosse una pandemia in qualsiasi parte del mondo, Reuters ha riferito che JPMorgan Chase aveva ridotto le riserve che deteneva presso la Fed di 158 miliardi di dollari, ovvero un allarmante 57%. Fino ad oggi, nessuno sa per cosa JPMorgan Chase avesse bisogno di quei soldi o perché la Fed le abbia permesso di ritirare quelle riserve. La Financial Crisis Inquiry Commission, l'organismo ufficiale del governo che ha esaminato le basi dell'implosione del 2008 a Wall Street, ha affermato questo sul ruolo dei derivati nella crisi: "l'esistenza di milioni di contratti derivati di ogni tipo tra istituzioni finanziarie di importanza sistemica - invisibile e sconosciuto in questo mercato non regolamentato, si è aggiunto all'incertezza e all'escalation del panico, contribuendo a far precipitare l'assistenza del governo a quelle istituzioni".

Nonostante i derivati siano riconosciuti come la causa principale nella peggiore crisi finanziaria del 2008 che gli Stati Uniti hanno visto dopo la Grande Depressione del 1929, né la Fed, né il Congresso, né le autorità di regolamentazione bancaria hanno impedito a queste banche di detenere decine di trilioni di dollari di derivati con controparti discutibili dall'altra parte. Ancora peggio, negli Stati Uniti, i derivati sono detenuti presso le unità bancarie assicurate a livello federale delle megabanche, che detengono anche depositi per mamme e papà in tutta l'America.


>>>articolo originale online>>>

tutte le news>>>















.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito