.LAST
IPOTESI AFGHANIISTAN: le formazioni paramilitari che hanno attaccato il Kazakhstan venivano dell’Afghanistan?


08 gennaio 2022
IPOTESI AFGHANIISTAN: le formazioni paramilitari che hanno attaccato il Kazakhstan venivano dell’Afghanistan?

Un’operazione STAY-BEHIND del Deep State per il Dopo-ritiro? Un ridispiegamento di ex Isis & affini in tutto il fianco Sud dell’ex Unione Sovietica?  Cosa diceva all’inizio di settembre l’ex capo del CSTO, Nikolay Bordyuzha. Perché paventava un conflitto?


Possibile un conflitto armato tra Russia e Afghanistan, secondo l'ex capo dell'alleanza militare post-Sovietica.


Nikolay Bordyuzha, ex segretario generale del CSTO (Alleanza militare succeduta al Patto di Varsavia) spiega in un'intervista al giornale russo Kommersant che la presa di potere dei Talebani in Afghanistan rappresenta una minaccia per la Russia. E l'Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO) potrebbe essere coinvolta militarmente.

La Russia, secondo Bordyuzha, non dovrebbe riconoscere il governo talebano.

Se uno stato membro del CSTO fosse vittima di una attacco o di una minaccia di attacco da parte Afghana (dove più di una entità - oltre ai talebani - è attiva) il CSTO sarebbe costretto a intervenire.

Il CSTO ha tutti gli strumenti necessari per proteggere i suoi membri contro qualsiasi aggressione”.

Ci si deve aspettare un forte aumento del traffico di droga - dell'oppio o oppiacei prodotti in Afghanistan - verso le ex repubbliche sovietiche confinanti (Tajikistan, Turkmenistan Uzbekistan) ma anche Kazakstan Kyrgyzstan e il sud della Russia.

Bordyuzha, che è stato il capo del CTO dal 2003 al 2016, è considerato uno dei massimi esperti sulla situazione afghana che ha seguito e continua a seguire giorno per giorno.


https://tass.com/pressreview/


Così riferisce il giornale Kommersant:

L'ex capo della CSTO rivela come la crisi dell'Afghanistan influenzerà la Russia e l'Asia centrale


Dal 2003 al 2016, Nikolay Bordyuzha è stato segretario generale dell'Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO) e in questa veste si è occupato di arginare le minacce provenienti dall'Afghanistan.


In un'intervista con il giornale, ha parlato di come la presa di potere dei talebani (fuorilegge in Russia) in Afghanistan rappresenta una minaccia per la Russia e di quando la CSTO può potenzialmente essere coinvolta.


Ha notato che la situazione in Asia centrale sta cambiando cardinalmente da quando un punto caldo di instabilità è emerso nelle immediate vicinanze dei confini dei nostri alleati. Non è chiaro come si svilupperà la situazione sulla scia del ritiro americano, ma i talebani non controllano l'intero paese e stanno affrontando la resistenza nel Panjshir, oltre ad essere contrastati da gruppi terroristici rivali. Molto dipenderà dalla politica del gruppo, che ora è difficile da prevedere.


Bordyuzha ha notato che il blocco di sicurezza post-sovietico può essere coinvolto in caso di intervento o di una minaccia diretta di conflitto armato con uno stato membro della CSTO, poiché ha tutti gli strumenti necessari per proteggere i suoi membri da qualsiasi aggressione.


Egli ritiene che la Russia non dovrebbe affrettarsi a riconoscere i talebani come governo legittimo e dovrebbe vedere come si sviluppa la situazione. Inoltre, non pensa che la Russia debba accettare dei rifugiati dall'Afghanistan, poiché non ha obblighi nei loro confronti e le conseguenze del loro arrivo nel paese sono imprevedibili.


Un aumento del traffico di droga dall'Afghanistan è anche una probabile conseguenza della crisi attuale, poiché il paese ha bisogno di sostenere la sua economia con ogni mezzo possibile.



tutte le news>>>















.
.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito