Russia


20 novembre 2021
Il Patriarca Kirill di Mosca e di tutte le Russie è stato decorato dal Presidente Putin con la più alta onorificenza statale della Federazione Russa, l'Ordine di Sant'Andrea Apostolo il Primo Chiamato

Putin: “… Sia l'economia che tutto ciò che la riguarda dipendono dai fondamenti spirituali di qualsiasi societàSantità, Lei è la persona che si occupa del nucleo - la nostra fede, i nostri valori spirituali, i nostri principi fondamentali…”


Ordine esecutivo del Presidente della Federazione Russa

Putin: Le conquiste dello Stato nell'economia sono alla base del benessere del paese… Eppure ci sono questioni più profonde. Sia l'economia che tutto ciò che la riguarda dipendono dai fondamenti spirituali di qualsiasi società… Santità, Lei è la persona che si occupa del nucleo - la nostra fede, i nostri valori spirituali, i nostri principi fondamentali, e lo fa veramente dal profondo del suo cuore con piena dedizione…


http://en.kremlin.ru/events/


Il Patriarca Kirill insignito dal Presidente Putin dell'Ordine di Sant'Andrea Apostolo il Primo Chiamato

Il Patriarca Kirill di Mosca e di tutte le Russie è stato decorato con la più alta onorificenza statale della Federazione Russa, l'Ordine di Sant'Andrea Apostolo il Primo Chiamato, in una cerimonia tenutasi nella Sala di Santa Caterina del Cremlino di Mosca.



Cremlino, Mosca

Ecco il discorso col quale Putin ha conferito al Patriarca Kirill l'Ordine di Sant'Andrea Apostolo il Primo Chiamato.


Presidente della Russia Vladimir Putin: Santità, mi permetta di salutarla sinceramente per il suo 75° compleanno. Lei ha scelto la via del servizio spirituale e morale e la sta percorrendo con dignità, saggezza e profonda comprensione della responsabilità per il destino del nostro popolo e della Russia. Ovviamente, la Chiesa ha attraversato tempi buoni e difficili, ma attualmente la sua voce ha acquisito di nuovo un significato importante; viene ascoltata e ha fiducia. In larga misura questo è il risultato dei Suoi sforzi personali e dell'incessante lavoro pastorale, della sincera preoccupazione di infondere gli ideali di pace, giustizia, amore e comprensione reciproca nel cuore della gente. Sotto la Sua premurosa guida spirituale, la Chiesa sta partecipando attivamente alla vita della società, alla risoluzione delle attuali questioni sociali e alla realizzazione di progetti su larga scala, importanti per l'intero paese. Il Suo fruttuoso servizio pastorale Le ha fatto guadagnare la più alta considerazione non solo in Russia ma anche all'estero, così come il rispetto tra milioni di credenti nel nostro vasto Paese. Voglio anche notare il Suo immenso contributo alla promozione dei valori tradizionali dei nostri popoli e alla conservazione del nostro patrimonio storico e culturale. Oggi, mentre combattiamo la pandemia del coronavirus, il Suo appello a unirsi di fronte alla minaccia ispira il clero ortodosso russo, i volontari e tutti coloro che svolgono la missione misericordiosa di aiutare i malati, coloro che hanno bisogno di sostegno e di un pilastro spirituale. Santità, è un grande ed enorme onore per me lodare i Suoi meriti e il Suo lavoro per il bene della nostra Madrepatria e decorarLa con la massima onorificenza della Russia - l'Ordine di Sant'Andrea Apostolo Primo Chiamato, un educatore e missionario della fede cristiana particolarmente venerato. Ancora una volta, mi congratulo con lei per il suo compleanno. Le auguro buona salute e successo nel suo nobile servizio. Il Patriarca Kirill ha ricevuto l'Ordine di Sant'Andrea Apostolo il Primo Chiamato.




Patriarca Kirill:

Eccellenza, signor Presidente, la ringrazio di tutto cuore per le sue gentili parole sul mio umile contributo e, naturalmente, per questo ordine, il più alto riconoscimento della Russia. L'Ordine di Sant'Andrea il Primo Chiamato è un premio statale, ma non è un caso che sia stato istituito in onore dell'apostolo Andrea. Egli fu uno dei dodici apostoli che gettarono la luce della verità di Cristo sulla terra che oggi è una parte significativa della Russia. In questo senso l'ordine in un certo senso non è solo un segno di riconoscimento statale ma anche un oggetto sacro perché porta l'immagine di Sant'Andrea il Primo Chiamato. Dato che l'Ordine di Andrea il Primo Chiamato, l'illuminatore della nostra terra, è il più alto ordine della Russia contemporanea, vorrei parlare dei cambiamenti nella vita del nostro popolo e dei cambiamenti nel popolo stesso. Tutti sappiamo che "non c'è uomo che non pecchi", secondo una massima della Chiesa. E non c'è nessuno che vive la sua vita senza commettere errori. Ci sono anche errori collettivi, e sappiamo che ci sono stati tali errori nella storia del nostro paese e del nostro popolo. Alla fine del XX e all'inizio del XXI secolo la nostra vita - la vita dello Stato, della società e la vita personale di una grande moltitudine di persone - ha assunto una configurazione sorprendente, in quanto ci rendiamo conto che viviamo in un paese felice. Anche se ci sono problemi e tutti ne siamo ben consapevoli, abbiamo la chiave: siamo liberi, siamo indipendenti, abbiamo conservato la nostra cultura, abbiamo conservato la nostra fede. Il nostro popolo è sopravvissuto nonostante le più dure tribolazioni del XX secolo. Oggi, la Russia sta marciando lungo il suo percorso storico con una grande riserva di forza, e sei tu che guidi la nostra Patria in questo periodo speciale della nostra storia. La ringrazio per il premio e vorrei anche esprimerle gratitudine a nome della Chiesa ortodossa russa e a nome mio per la sua immutabile attenzione alla vita spirituale, per il suo equilibrio tra politica e morale, per il suo impegno a costruire la vita della nostra Patria basata non solo sul diritto, ma anche sulla verità. Vi siamo grati per questo. So che un gran numero di figli e figlie della Chiesa ortodossa russa sostiene con tutto il cuore le mie parole di oggi. La ringrazio ancora una volta per l'alto riconoscimento. Mi permetta di augurarle buona salute, l'aiuto di Dio, molti anni di vita e il successo nell'ulteriore governo dello Stato russo.


Vladimir Putin

Santità, grazie mille.

Per concludere questa cerimonia, che si potrebbe definire modesta anche se è un grande evento, ma è modesta perché tutti noi dobbiamo vivere sotto certe restrizioni a causa della pandemia, come ho detto, ma che è comunque una cerimonia che segna una grande occasione, questo è ciò che vorrei dire in conclusione. Siamo certamente consapevoli che le conquiste dello Stato nell'economia sono alla base del benessere del paese, del suo progresso economico e del rafforzamento delle sue capacità di difesa. Si tratta di una questione fondamentale che sfida qualsiasi argomentazione. Eppure ci sono questioni più profonde. Sia l'economia che tutto ciò che la riguarda dipendono dai fondamenti spirituali di qualsiasi società che unificano questa società in un unico insieme. E la società e lo stato hanno successo solo quando si uniscono in quell'insieme. Santità, Lei è la persona che si occupa del nucleo - la nostra fede, i nostri valori spirituali, i nostri principi fondamentali, e lo fa veramente dal profondo del suo cuore con piena dedizione. Le esprimo ancora una volta la mia sincera gratitudine e le auguro tutto il meglio. Le mie congratulazioni.


Patriarca Kirill

Grazie



>>>articolo originale online>>>

tutte le news>>>















.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito