Contro IL Deep State

14 ottobre 2021
La ribellione dei piloti di Southwest Airlines contro l’obbligo vaccinale, vanifica i ricatti del governo e delle  corporations; indica a Europa e Australia la via per fermare il grande reset.  


“… Ancor più degli infermieri e dei medici un tempo ritenuti eroi e ora licenziati per aver rifiutato il vaccino, questi piloti e membri dell'equipaggio stanno mostrando agli americani preoccupati, agli europei, agli australiani e a tutti i liberi cittadini una potenziale via d'uscita attraverso questo miserabile pantano di obblighi vaccinali”.


Nelle democrazie occidentali, il governo è progettato per rappresentare il popolo, non per dominarlo. A un certo

punto, i nostri funzionari eletti hanno deciso che preferivano essere padroni piuttosto che servi...”!


I vertici della Southwest Airlines possono negare fino a diventare blu in faccia che i massicci ritardi che sono stati riscontrati abbiano qualcosa a che fare con l'insistenza della compagnia nei confronti dei loro piloti a fare il vaccino o perdere il lavoro... ma nessuno lo sta bevendo. Southwest sta vivendo turbolenze. Durante il fine settimana, la compagnia aerea con sede in Texas ha cancellato oltre 1.800 voli. Lunedì non è andata meglio: quasi 400 voli in più sono stati cancellati. Un portavoce aziendale, Alan Kasher, ha attribuito la catastrofica interruzione degli affari al maltempo in Florida e ai "problemi" con il controllo del traffico aereo. La sua affermazione è stata accolta con incredulità immediata, poiché la Federal Aviation Administration ha ribattuto che non sono state segnalate carenze di personale ATC durante il fine settimana e che le compagnie aeree concorrenti che volano nelle stesse regioni hanno cancellato solo una piccola parte dei propri voli. Il vero motivo delle cancellazioni è un segreto di Pulcinella, nonostante la reticenza di Kasher nel riconoscerlo. I piloti e gli equipaggi di Southwest hanno ricevuto un obbligo di vaccinazione e semplicemente non lo stanno facendo.


Proprio oggi, su Good Morning America, il CEO di Southwest Gary Kelly ha fatto girare la cattiva notizia come una turbina, citando "nessuna prova" che i disastrosi ultimi giorni della sua azienda abbiano avuto alcun legame con l'ultimatum sul vaccino che aveva imposto alla sua forza lavoro.

Invece è proprio così, ovviamente, e Kelly lo sa. Ecco cosa sta realmente accadendo. Il 9 settembre, Joe Biden ha annunciato la sua intenzione di costringere ogni azienda che impiega più di 100 persone ad obbligare i propri dipendenti a vaccinarsi. Southwest Airlines ha successivamente trasmesso una missiva ai suoi dipendenti, piloti e membri dell'equipaggio: "Southwest Airlines sarà tenuta a conformarsi alla direttiva del governo federale affinché i dipendenti degli appaltatori federali siano completamente vaccinati contro il COVID-19". La scadenza era fissata per l'8 dicembre: farsi il vaccino, sperare in un'esenzione, o essere licenziati. Molti di questi dipendenti avevano già contratto e sconfitto la malattia, godendo di un'efficace immunità naturale. Altri sono rimasti preoccupati per le segnalazioni di effetti avversi, tra cui la trombosi (per la quale il vaccino Johnson & Johnson è stato ritirato dal mercato) e la miocardite (per la quale è stato ritirato anche il vaccino Moderna). Molti erano anche consapevoli che le vaccinazioni, pur riducendo i ricoveri e i decessi, non bloccano completamente le infezioni esplosive e hanno dimostrato una diminuzione dell'efficacia. Qualunque siano le ragioni individuali, un ammutinamento del mandato ha iniziato a prepararsi. Si manifesta ora, affermandosi in questi ultimi giorni in un modo che non può essere ignorato. I piloti risparmiano giorni di malattia pagati, accumulando spesso mesi, persino anni. Poiché le loro preoccupazioni sono rimaste inascoltate dai dirigenti e, di fronte all'ignominia di sacrificare l'autonomia fisica per la conformità aziendale, o di essere licenziati e di perdere la carriera - comprese tutte le ore risparmiate che hanno guadagnato - i piloti si limitano a darsi malattia e incassare le loro ferie pagate.


Il sindacato che rappresenta i 9.000 piloti di Southwest nega una protesta organizzata, un malessere o un arresto, ed è vero. Questi individui che agiscono per coscienza sono, nel migliore dei casi, una libera confederazione di colleghi. A loro è stato detto dai dirigenti di Southwest che "la direttiva federale offre poca libertà di proposta o scelta". Hanno rifiutato quell'affermazione, la stanno rifiutando e continueranno a rifiutarla. Forse l'aspetto più sconcertante dell'intero scenario è il fatto che non esiste nemmeno una regola a cui Southwest Airlines si attiene. Quando il presidente Biden ha pronunciato il suo ultimatum a settembre, i legislatori e gli studiosi di diritto erano dubbiosi. Molti si sono chiesti con quale ragione Biden facesse quel suo discorso, visto che non fa parte di nessun organo legislativo. La sua risposta: utilizzare l'Occupational Safety and Health Administration (OSHA) per definire la vaccinazione come una preoccupazione per la sicurezza sul lavoro e emanare una norma di conseguenza. Indipendentemente dalla posizione legale della piccola agenzia per realizzare una tale soluzione legislativa, o dalla sua capacità di applicarla successivamente, rimane un problema più fondamentale per Southwest e altri datori di lavoro: l'OSHA non ha ancora stabilito una tale regola, tanto meno ha affrontato le sfide legali già in corso. Senza successo con le sue carote, Biden ha raccolto un bastone; legalmente, questo bastone sarebbe fragile nel migliore dei casi, ma al momento rimane un miraggio completo. È difficile credere che Southwest sia così disposta a far infuriare sia i clienti bloccati che i piloti scontenti per evitare di essere picchiati. È naturale che i dirigenti delle compagnie aeree vogliano rimanere nelle grazie del governo. Dopotutto, più volte sono andati a chiedere l'elemosina al Congresso, col cappello in mano, lamentando i licenziamenti incombenti dei loro "stimati dipendenti" e chiedendo dollari di salvataggio dei contribuenti. Li hanno ricevuti, per un importo di miliardi, oltre a milioni in compensazione per se stessi. I contratti governativi, a rischio se l'azienda non impone un obbligo di vaccinazione, rappresentano solo il 3% degli affari di Southwest, ma è stata tracciata una linea dura su tutte le obiezioni di piloti ed equipaggi. Come potrebbero i dipendenti di Southwest non mettere in dubbio la reale lealtà del loro capo?


I clienti bloccati negli aeroporti e alle prese con voli cancellati non possono essere incolpati di essere frustrati, ma la loro ira non dovrebbe essere rivolta ai piloti del sud-ovest, non più di quanto i molti appassionati di tè tra i coloniali americani avrebbero dovuto essere arrabbiati con gli uomini che hanno buttato le spedizioni di tè nel porto di Boston. Lo sconvolgimento economico può essere potente, sia come simbolo che come metodo pratico di protesta (anche se a volte si tratta principalmente di distruzione di proprietà e saccheggio, a cui questa azione attuale non ha alcuna somiglianza). Forse anche più delle infermiere e dei medici una volta considerati eroi e ora licenziati per aver rifiutato il vaccino, questi piloti e membri dell'equipaggio stanno mostrando agli americani, agli europei, agli australiani e a tutti i cittadini liberi preoccupati, una potenziale via d'uscita attraverso questo miserabile pantano di obblighi. Nelle democrazie occidentali, il governo è progettato per rappresentare le persone, non per governarle. Ad un certo punto, i nostri funzionari eletti hanno deciso che avrebbero preferito essere signori piuttosto che servi, ma sono rimasti impigliati con le leadership aziendali in un sistema soffocante fatto di decreti burocratici sotto le grinfie di un re ratto ammuffito. Basta dire loro di no. Le corporazioni americane esistono per capriccio dei loro clienti e grazie alla volontà dei loro dipendenti. Il governo degli Stati Uniti serve solo con il consenso dei governati. Non è il re di nessuno. È ora che questi governanti smettano di comportarsi come se fossero re.


La buona volontà della Southwest Airlines si è manifestata. I suoi dirigenti ora hanno una scelta: attenersi a un obbligo vaccinale specioso e guardare i suoi clienti e dipendenti volare via o avere la schiena dritta e dire al governo federale che non farà il complice volenteroso delle tattiche di bullismo di Biden. È tempo che gli obblighi sui vaccini aziendali vadano stracciati e bruciati.



>>>articolo originale online>>>

tutte le news>>>















.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito