Cambiamenti Climatici

11 ottobre 2021
Bergoglio chiede “più vaccini” e più superstizioni climatiche, più Grande Reset dimenticando che all’inferno il termostato è fisso
Papa Francesco chiede "più vaccini" all'incontro dei leader mondiali a Roma


Il 35° Incontro di dialogo e preghiera per la pace si è svolto questa settimana a Roma, trattando di fraternità e cambiamento climatico, e basandosi sull'incontro del 1986 che apriva le porte al "culto idolatrico".


Papa Francesco si è unito a politici, promotori dell'aborto e leader ecumenici questa settimana a Roma per promuovere "la pace... la fraternità... i vaccini", il tutto "nello spirito" del "culto idolatrico" dell'incontro di Assisi del 1986. Il 35° Incontro di dialogo e preghiera per la pace, intitolato "Popoli come fratelli, Terra futura" e tenuto dalla Comunità di Sant'Egidio "nello spirito" dell'incontro interreligioso di Assisi del 1986, si è svolto il 6-7 ottobre a Roma. L'incontro è stato descritto da Michael Hichborn dell'Istituto Lepanto, come "un'altra forma di idolatria nella forma di una fratellanza umana senza Cristo". Presenti musulmani, ebrei, protestanti, pro-aborto e il Papa.


Con l'intervento di Papa Francesco alla cerimonia di chiusura, l'evento ecumenico ha ospitato anche il pro-aborto Jeffrey Sachs; l'arcivescovo Justin Welby della Chiesa d'Inghilterra; Aloysius John, segretario della Caritas International legata all'aborto; Ahmad Al-Tayyeb, il Grande Imam di Al-Azhar; e Pinkhas Goldschmidt, il presidente della Conferenza dei rabbini europei. Tra gli altri relatori, il cancelliere tedesco uscente Angela Merkel; il primo ministro italiano Mario Draghi; lo sceicco Nahyan bin Mubarak Al Nahyan, ministro della tolleranza e della convivenza negli Emirati Arabi Uniti e "protagonista" del controverso incontro di Abu Dhabi del 2019; il patriarca ecumenico Bartolomeo di Costantinopoli; il cardinale José Tolentino Mendonça e il cardinale Matteo Zuppi di Bologna; Kataoka Keishu, responsabile degli affari generali dell'ufficio europeo del buddismo zen Sōtō; e Noubar Afuyen, presidente di Moderna. Il simbolo dell'evento del 2021 era una bandiera vorticosa di colore LGBT sormontata da una colomba bianca. Modellato su Assisi nel 1986 - temi di fraternità e cura della terra.

L'evento è stato modellato sullo scandaloso incontro interreligioso di Assisi del 1986 in cui Papa Giovanni Paolo II pregò insieme a cristiani ortodossi, protestanti, ebrei, musulmani, indù, buddisti e rappresentanti di molte altre religioni. Giovanni Paolo II si rivolse ai rappresentanti delle diverse religioni con le seguenti parole:

"Le religioni sono molte e varie, e riflettono il desiderio degli uomini e delle donne nel corso dei secoli di entrare in relazione con l'Essere Assoluto". Parlando a Gloria.tv l'anno scorso, il vescovo Athanasius Schneider ha dichiarato che l'incontro di Assisi del 1986 fu una "preparazione" per l'adorazione delle statue di Pachamama nei Giardini Vaticani, in quanto abituò i cattolici all’"errato insegnamento ... che tutte le religioni sono sullo stesso piano". Quell'incontro è stato ulteriormente descritto dall'autore Henry Sire come un atto di "sacrilegio" e "culto idolatrico".

Nell'annunciare l'evento del 2021, Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio, ha salutato l'attuale incontro come un segno che "la campagna vaccinale sta dando nuove possibilità a molti popoli e molte nazioni".

"Ci aspettiamo molti frutti da questo incontro", ha detto, lodando l'impegno ecumenico del Papa sulla "crisi ambientale", poiché "il tempo sta per scadere". I due temi della conferenza sono familiari ai seguaci delle notizie vaticane, essendo "Fraternità universale e Terra futura, cura dell'ambiente".

"A Roma le religioni hanno il compito di dimostrare che su questi due temi possiamo camminare insieme, partendo dalla diversità che è insita in ogni religione, se vogliamo salvare il mondo e se vogliamo lavorare per un mondo molto diverso da quello che la pandemia ci ha dato o in cui siamo entrati a causa della pandemia", ha dichiarato Impagliazzo.

Alla cerimonia di chiusura, che si è svolta al Colosseo, hanno partecipato Papa Francesco, Angela Merkel, il Grande Imam e il rabbino Goldschmidt. Nel 450° anniversario della battaglia di Lepanto, che segna la vittoria cattolica sulla flotta musulmana, il Papa ha pregato insieme ai leader del cristianesimo, dell'Islam, dell'ebraismo, del buddismo, del tenrikyo, dell'induismo e del sikhismo. Rivolgendosi ai partecipanti, il Papa ha fatto riferimento al suo controverso documento Fratelli Tutti e a quello di Abu Dhabi del 2019 nel suo appello alla "pace" e alla "fraternità" terrena. Quella pace, ha dichiarato il Papa, "cresce nella fraternità" ed è "legata a un altro sogno, quello della terra futura". "Meno armi e più cibo, meno ipocrisia e più trasparenza, più vaccini distribuiti equamente e meno armi commercializzate indiscriminatamente", fanno parte dei desideri del Papa espressi a Roma.

"Questo è un impegno per la cura del creato, per la casa comune che lasceremo ai giovani che verranno dopo di noi", ha attestato il Papa. "Coltivando un approccio contemplativo e non predatorio, le religioni sono chiamate ad ascoltare i gemiti della madre terra, che subisce violenza".


Riferendosi alla visione condivisa della "terra come casa comune, in cui i popoli abitano come fratelli e sorelle", Francesco ha usato la terminologia quando ha confrontato le diverse religioni:

"Sì, sogniamo le religioni come sorelle e i popoli come fratelli! Religioni sorelle per aiutare i popoli ad essere fratelli e sorelle che vivono in pace, amministratori riconciliati della creazione, la nostra casa comune". Parole simili sono state pronunciate dal Grande Imam di Al-Azhar, che ha elogiato Papa Francesco come "un uomo di pace e di umanità per eccellenza", accogliendo la loro ormai ampia collaborazione". Sottolineando l'importanza del documento di Abu Dhabi, che è stato descritto come una sorta di "rovesciamento della dottrina del Vangelo", il Grande Imam lo ha descritto come "un appello ad applicare i principi morali delle religioni per creare una vera fraternità dove non c'è spazio per la discriminazione sulla base delle differenze di religione, confessione, razza, genere o altre forme di intolleranza". Parlando a LifeSiteNews il giorno dopo la promulgazione del documento nel 2019, un teologo domenicano ha spiegato che il passaggio problematico sulla Divina volontà delle diverse religioni "nel suo senso ovvio è falso, e di fatto eretico". Nel frattempo, Merkel ha parlato dell'obbligo dello Stato di proteggere "la dignità umana", nel giorno in cui un tribunale tedesco ha stabilito che le dure imposizioni del governo statale bavarese di bloccare e vietare ai cittadini di uscire di casa nell'aprile 2020 erano illegali e non necessarie. Dichiarando che la Germania ha "imparato una lezione dal suo passato", Merkel ha chiesto "un dialogo aperto e rispettoso tra governi e religioni" per affrontare "le conseguenze del cambiamento climatico e il loro contenimento". L'incontro si è chiuso con la lettura dell' "Appello per la pace" congiunto, dichiarando che "il nome di Dio è pace". L'incontro è avvenuto due anni dopo il famigerato evento Pachamama in Vaticano. "Due anni fa, questo mese, Papa Francesco ha partecipato a un atto di idolatria, in cui la statua di una divinità pagana della terra è stata venerata nei Giardini Vaticani, portata nell'Aula del Sinodo Vaticano e intronizzata sull'altare stesso di San Pietro", ha detto Michael Hichborn a LifeSiteNews. "E ora, il papa sta praticando un'altra forma di idolatria nella forma di una fratellanza umana senza Cristo", ha dichiarato Hichborn. "Gli uomini di fede cercano Cristo per salvarli dai mali del mondo, mentre gli uomini senza fede cercano di mercanteggiare con il mondo per alleviare le loro sofferenze. Mentre questi uomini cercano soluzioni umane a quello che credono essere un cambiamento climatico causato dall'uomo, farebbe loro bene ricordare che il termostato è fisso all'inferno".

https://www.lifesitenews.com/


>>>articolo originale online>>>

tutte le news>>>















.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito