Grande Reset

10 ottobre 2021
Il vertice demografico di Budapest. Orban si prepara all'HUXIT?
Il premier ceco Andrej Babis; il premier sloveno Janez Jansa; il premier ungherese Viktor Orban; il presidente serbo Aleksandar Vucic; il leader serbo-bosniaco Milorad Dodik; il ministro ungherese delle famiglie Katalin Novak sul palco del 4° vertice demografico di Budapest, a Budapest, Ungheria, 23 settembre 2021

"Pensavo che l'Italia sarebbe stata la prossima a lasciare l'UE; ora sono convinto che sarà l'Ungheria perché sembra di nuovo la Brexit..."

dice Paul Nittall

Paul A. Nittall è uno storico, autore ed ex politico inglese. È stato membro del Parlamento europeo tra il 2009 e il 2019 ed è stato un importante sostenitore della Brexit.

I leader delle sei nazioni dell'Europa centrale e orientale che hanno partecipato al vertice demografico di Budapest sono stati molto chiari su una cosa: rafforzare l'immigrazione non è la risposta al declino della popolazione e dei tassi di natalità dell'Unione europea. Guarda il video per saperne di più.


https://thehungaryjournal.com/

Mentre alcune civiltà sono in grado di riprodursi, l'Occidente non è semplicemente disposto a sostenere se stesso”, ha detto il primo ministro Viktor Orban al quarto vertice demografico a Budapest.

I capi di governo intervengono al vertice demografico

"Mentre alcune civiltà sono in grado di riprodursi, l'Occidente non è semplicemente disposto a sostenere se stesso", ha detto il primo ministro Viktor Orban al quarto vertice demografico a Budapest.

"Alcuni non vedono questo come un problema", mentre altri userebbero la migrazione come soluzione, ha detto, aggiungendo che questo equivarrebbe ad adottare "un piano globale per reinsediare una nuova classe operaia", e un tale piano ignorerebbe l'aspetto culturale della migrazione. "Qui la migrazione è una questione di identità. Un paese europeo può funzionare solo se i suoi membri hanno in gran parte le stesse opinioni sulle questioni fondamentali. Le nazioni in Europa che non hanno questo terreno comune sono destinate a disintegrarsi", ha detto. Gli approcci economici per risolvere la questione non sono praticabili in Europa, ha aggiunto.

Orban ha detto di aver notato "con preoccupazione i movimenti neo-marxisti svegli che guadagnano rapidamente popolarità" in Occidente, con "tentativi di deviare lo sviluppo dei bambini nella scuola materna", poiché i bambini vengono usati come "attivisti dell'orgoglio" e per promuovere il cambiamento di genere. Ha detto che la situazione era molto diversa in Europa centrale, dove "la natura delle idee marxiste è ben compresa perché la gente ha dovuto vivere con esse per quarant'anni". "Siamo vaccinati contro il wokeismo e la nostra storia ci sta proteggendo contro la sinistra culturale, nello stesso modo in cui i vaccini danno protezione contro il coronavirus", ha aggiunto. Gli ungheresi sono protettivi, ha detto, perché la sinistra occidentale ha lanciato attacchi contro il modello di famiglia tradizionale relativizzando il concetto di famiglia. Un mezzo per questo è la lobby LGBTQ e la propaganda gender, ha aggiunto. "Prendono di mira i nostri bambini, quindi dobbiamo proteggerli", ha detto, aggiungendo che l'Ungheria ha un sistema costituzionale per la protezione della famiglia e dei bambini che viene "attivato automaticamente quando la famiglia è vista come una minaccia".

La linea di difesa più importante nel sistema di protezione della famiglia, ha detto, è la costituzione, e ha citato le sezioni della costituzione che si riferiscono alle famiglie, al matrimonio e ai bambini. Orban ha detto che mentre l'Ungheria ha tenuto sondaggi di consultazione nazionale e votazioni popolari nel tentativo di rafforzare queste linee di difesa, nessuno in Europa occidentale o a Bruxelles ha mai sondato l'opinione della gente sulla "propaganda LGBTQ" o sulla migrazione....

Ha anche salutato i primi ministri della Repubblica Ceca e della Slovenia e ha ricordato loro che stanno "combattendo per gli interessi dell'Europa centrale, la sovranità dei loro paesi, il patrimonio cristiano e la sicurezza dei popoli europei". Nel suo saluto ai presidenti della Serbia e del membro serbo della presidenza della Bosnia ed Erzegovina, ha detto che il futuro dei Balcani determinerà la sicurezza futura dell'Europa. A Bruxelles, ha aggiunto, non si deve permettere di continuare la politica secolare di usare i Balcani come zona cuscinetto al posto della propria comodità e sicurezza.

Nel frattempo, Katalin Novak, il ministro senza portafoglio incaricato degli affari familiari, ha detto che il governo ungherese ha lavorato per aiutare le famiglie e invertire una tendenza al ribasso che dura da 40 anni. Ha detto che il governo ha visto come "opportunità e dovere" di lavorare per le famiglie, sostenuto da un mandato degli elettori. Novak ha detto che un "inverno demografico" sta minacciando il mondo sviluppato così come l'Ungheria. Il summit si sta concentrando sulle connessioni tra demografia e sostenibilità, con circa 70 relatori provenienti da 18 paesi, ha detto prima Novak. Vi partecipano circa 500 persone, tra cui leader statali e religiosi, scienziati e ONG.

Rivolgendosi al vertice, il presidente serbo Aleksandar Vučić ha detto che il tema della demografia sta diventando la questione politica più importante perché riguarda "la nostra sopravvivenza". Il governo serbo ha imparato molto dal precedente vertice demografico, ha detto, e ha introdotto diverse misure sul modello del sistema ungherese. Nel contesto dei social media e della loro influenza sul pubblico, Vučić ha detto che il "marxismo politico liberale" ha attirato le persone a prestare attenzione a cose che cambiano gli aspetti della loro vita, ma allo stesso tempo le ha portate a perdere altri aspetti. Vučić ha anche toccato il tema dello stato di diritto, che ha detto che è diventato un tema che potrebbe essere usato per mettere in riga i paesi "disobbedienti". Lui ha detto che il prossimo argomento centrale sarà la lotta contro il cambiamento climatico, che sia la Serbia che l'Ungheria considerano importante. "Ma è davvero più importante delle questioni demografiche? È davvero più importante del futuro dei nostri paesi, del futuro delle nostre nazioni?" Vučić ha detto che l'Europa ha contribuito sempre meno alla crescita economica globale negli ultimi decenni, aggiungendo che entro pochi decenni la Nigeria da sola avrà una popolazione più grande dell'Unione europea o degli Stati Uniti. "È giunto il momento di agire", ha detto.

Il primo ministro sloveno Janez Janša ha definito il declino della popolazione un problema enorme che riguarda il futuro e che non può essere ignorato. "L'Unione europea sta attualmente discutendo il futuro dell'Europa e ... questo incontro di oggi è una delle parti più importanti di questo dibattito", ha detto al vertice. Janša ha notato che il tasso di natalità in Europa è sceso del 40-70% dagli anni '50 e 17 dei 27 stati membri dell'UE hanno un tasso di natalità negativo che è peggiorato durante la crisi di Covid. "Abbiamo bisogno di proposte coraggiose, una sorta di programma europeo per mettere la famiglia al primo posto", ha detto.

Milorad Dodik, il membro serbo della troika presidenziale della Bosnia-Erzegovina, ha detto che l'Europa deve favorire la famiglia rispetto alla migrazione. L'Europa ha bisogno di rimanere stabile non solo economicamente ma anche nel campo della demografia, ha detto, aggiungendo che questo richiede il sostegno alle famiglie. Dodik ha elogiato le politiche familiari del primo ministro ungherese Viktor Orban e ha espresso la speranza che siano adottate da sempre più paesi in Europa.

Il primo ministro ceco Andrej Babiš ha detto che l'Europa ha bisogno di aumentare il suo tasso di natalità per fermare il suo declino demografico. Ha detto che la pandemia di coronavirus ha dimostrato che gli stati nazionali costruiti sulle famiglie sono insostituibili. Anche se la Repubblica Ceca ha visto un aumento del suo tasso di natalità negli ultimi anni, ha ancora molta strada da fare per raggiungere il tasso di fertilità del 2,1 necessario per mantenere la sua popolazione, ha detto. Babiš ha criticato l'argomento secondo cui avere meno figli ridurrebbe la propria impronta di carbonio, dicendo che è "assurdo" non avere figli nell'interesse della protezione del clima.

I capi di stato e di governo che partecipano al 4° vertice demografico di Budapest hanno firmato una dichiarazione comune sul sostegno alle famiglie. "Vediamo il rinnovamento demografico, la sostenibilità e il futuro dell'Europa nel rafforzare e sostenere le famiglie", ha detto Katalin Novak all'evento. Il ministro ha detto che la dichiarazione vincola i suoi firmatari a incoraggiare le coppie ad avere figli, promuovere salari equi e lo sviluppo di economie basate sul lavoro perseguendo politiche familiari efficaci. La dichiarazione esorta anche l'Unione europea a considerare gli aspetti demografici nel definire le sue politiche, ha aggiunto Novak.

https://www.rt.com/op-ed/


Paul A. Nuttall è uno storico, autore ed ex politico inglese. È stato membro del Parlamento europeo tra il 2009 e il 2019 ed è stato un importante sostenitore della Brexit.

Credo che Viktor Orban stia preparando il suo paese per "Huxit". Se non lo sta facendo, allora sta giocando una partita di poker ad alte puntate con i signori di Bruxelles.

All'inizio di questa settimana, il giornale ungherese Magyar Nemzet (Nazione Ungherese) ha pubblicato un titolo che dice: "è ora di parlare di Huxit". Questo è un enorme sviluppo perché il giornale è considerato il portavoce non ufficiale del governo di Orban.  


Il mese scorso, il giornale ha annunciato che "è arrivato il momento, ora nel luglio 2021, di considerare seriamente la possibilità del nostro ritiro da un'unione di stati con mille ferite sanguinanti, che mostra sintomi imperiali, e che tratta i paesi dell'Europa orientale e centrale in modo incredibilmente arrogante".


Il giornale ha anche affermato che c'è uno scontro culturale tra i valori dell'Europa occidentale e orientale, qualcosa che ho sostenuto su RT.com il mese scorso. Allo stesso modo, Magyar Nemzetopinse che "le nostre strade si sono divise mentre l'Occidente ora consapevolmente... rompe dalla moralità e dai valori cristiani. Invece, mirano a costruire una società mondiale cosmopolita e senza volto, basata sull'autogodimento sfrenato e sull'autodistruzione dell'individuo... noi ungheresi, polacchi e popoli dell'Europa centrale e orientale ci aggrappiamo alle nostre basi culturali e religiose".


Leggere questo è stato come una gradita dose di déjà vu per un vecchio Brexiteer come me. Nel novembre 2010, il Daily Express è diventato il primo giornale britannico mainstream ad esprimersi a favore dell'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea.


Il Daily Express ha annunciato che "da questo giorno in poi le nostre energie saranno dirette a promuovere la causa di coloro che credono che la Gran Bretagna stia meglio fuori". E ha continuato, "dopo troppi anni come vittime dei furti di Bruxelles, della prepotenza, dell'eccessiva regolamentazione e dell'interferenza a tutto tondo, è giunto il momento che il popolo britannico riconquisti il suo paese e restituisca legittimità e responsabilità al suo processo politico".

Anche su rt.com Può sembrare che la Gran Bretagna si sia fermata, ma la colpa è del Covid, NON della Brexit

Per mettere l'importanza di questo annuncio in qualche prospettiva, questa è stata la prima volta che un giornale britannico mainstream si è espresso a favore del ritiro dall'Europa dal referendum del 1975. Improvvisamente, essere a favore di ciò che poi è diventato noto come Brexit non era appannaggio di "fanatici e gadflies politici", come ci ha chiamato un leader del partito conservatore, e divenne invece un'idea mainstream. In effetti, la coraggiosa decisione presa dal Daily Express fu uno degli eventi più importanti sulla lunga e rocciosa strada verso la Brexit del 2016.

E ora abbiamo la storia che si ripete in Ungheria. Non può certo essere una coincidenza che un giornale ungherese mainstream metta ora in discussione l'appartenenza del suo paese al blocco, specialmente uno con legami con il governo. Direi che questo viene direttamente dal manuale della Brexit.


E sembra che Bruxelles si stia rendendo conto che l'Ungheria sta seriamente considerando di fare una corsa verso la porta d'uscita. Ieri è stato annunciato che la Commissione europea non ha rispettato la scadenza per imporre sanzioni finanziarie all'Ungheria per non aver rispettato i "valori" del blocco. Questo scatenerà senza dubbio un conflitto interistituzionale a Bruxelles, poiché il Parlamento europeo ha chiesto che l'Ungheria di Orban sia punita. La disputa potrebbe finire alla Corte di giustizia europea (CGE), poiché il Parlamento europeo è determinato a punire l'Ungheria per la sua posizione riguardo ai diritti LGBTQ.


Tuttavia, il fatto che la Commissione europea, che non è vincolata dall'opinione pubblica come il Parlamento europeo, non sia pronta a invocare sanzioni contro l'Ungheria è molto istruttivo. Mentre l'UE è stata fin troppo ansiosa di punire recentemente la Polonia, forse perché era sicura che il suo governo avrebbe fatto marcia indietro, sembra trattare l'Ungheria con i guanti di velluto. Forse Bruxelles ha finalmente capito che imporre sanzioni finanziarie avrebbe fatto il gioco di Orban.  


 *****

https://www.rt.com/op-ed/

 L'Ungheria è una nazione cristiana di successo, ecco perché i liberali senza Dio hanno criticato l'incontro di Tucker Carlson con il "tiranno" Viktor Orban

******


Si potrebbe sostenere che Orban sta giocando un gioco ad alto rischio - ma questo è solo il caso se vuole davvero rimanere nell'UE - e io non sono convinto che lo voglia. Sospetto che Orban stia accuratamente immergendo il dito del piede nel bagno di Huxit. Se trova l'acqua gradevole, potrebbe anche tuffarsi, il che potrebbe scatenare una crisi nell'UE anche peggiore della Brexit. Vedete, il Regno Unito non è mai stato davvero un membro comodo dell'UE. È stato un partner riluttante, ma mai un amico, il che ha reso il divorzio ad un certo punto inevitabile.

 

L'Ungheria, tuttavia, è molto diversa, essendo uno stato cliente dei contatori di fagioli di Bruxelles. È un benefattore netto dei fondi UE, e a differenza del Regno Unito, che ha consegnato denaro a Bruxelles come se fossero coriandoli, riceve milioni di euro ogni anno. Ma alla fine, l'Ungheria potrebbe decidere che il denaro non è tutto, e che i valori tradizionali sono più importanti. E se questo accadesse, non scommetterei contro il fatto che altri stati dell'Europa dell'Est seguano l'esempio, dato che si sentono sempre più a disagio con il liberalismo dittatoriale dell'Occidente. 




tutte le news>>>















.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito