Contro IL Deep State


10 luglio 2021
“La fallita guerra americana in Afghanistan sta creando una nuova generazione di conservatori americani anti-interventisti e pro-Putin

La fallita guerra americana in Afghanistan sta creando una nuova generazione di conservatori americani anti-interventisti e pro-Putin

 Nel 2001, il Partito Repubblicano e i suoi sostenitori erano ampiamente uniti nell'andare in guerra in Afghanistan. Ma 20 anni di missione strisciante che si estende ad altri paesi della regione - tutto ciò che alla fine ha diffuso il caos piuttosto che la democrazia o la stabilità - ha trasformato molti conservatori in anti-interventisti. Eppure l'establishment del Partito Repubblicano è ancora dominato dai neoconservatori. I conservatori contrari a perpetuare i fallimenti dell'infinita ingerenza statunitense, ma che non vogliono avere nulla a che fare con la sinistra, hanno trovato un terreno comune con la posizione della grande tenda del conservatorismo russo - in particolare perché la Russia spesso si muove per ripulire i casini lasciati dai nidi jihadisti creati dal caos interventista statunitense. Nello stesso modo in cui la sinistra latino-americana ha trovato un'eco nell'Unione Sovietica come risultato dell'ingerenza americana, lo stesso è successo ora con una parte significativa della destra statunitense che trova una causa comune nella visione del mondo promossa dalla Russia di Vladimir Putin mentre affronta le conseguenze dei passi falsi dell'America. E questa, forse, è la vera eredità per la politica interna americana degli ultimi 20 anni in Afghanistan


https://www.rt.com/op-ed/

Il fallimento degli Stati Uniti in Afghanistan ha innescato una nuova generazione di conservatori americani anti-interventisti e filo-Putin


Di Rachel Marsden,

editorialista, stratega politica e conduttrice di un programma in lingua francese prodotto indipendentemente che va in onda su Sputnik France. Il suo sito web è: www.rachelmarsden.com

Vent'anni dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre, le truppe statunitensi e alleate stanno finalmente lasciando l'Afghanistan mentre i talebani sembrano destinati a tornare al potere. Questo fallimento ha creato una generazione di conservatori contrari all'interventismo statunitense. Questa settimana, alla domanda se la missione statunitense in Afghanistan sia stata un fallimento quando le truppe americane e della NATO hanno consegnato l'aeroporto di Bagram all'esercito afghano, il presidente Joe Biden ha risposto citando obiettivi presumibilmente raggiunti: “Uno, portare Osama bin Laden alle porte di diavolo, come ho detto all'epoca. La seconda ragione era eliminare la capacità di Al Qaeda di fare attacchi contro gli Stati Uniti da quel territorio. Abbiamo raggiunto entrambi questi obiettivi. Punto".


Un metodo per far credere di sistemare il caos che hai creato in primo luogo. Osama Bin Laden era un ex membro della CIA di origine saudita utilizzato come combattente per procura contro l'Unione Sovietica in Afghanistan durante la Guerra Fredda, così come Al Qaeda, entrambi beneficiari dell'assistenza statunitense contro i sovietici. Anche i dirottatori dell'11 settembre erano in gran parte tutti cittadini sauditi. E mentre lo stesso Bin Laden potrebbe essere morto, il problema principale non è cambiato molto. L'alleato degli Stati Uniti, l'Arabia Saudita, ha da tempo svolto un ruolo nel sostenere altri jihadisti nella regione, compresi i cosiddetti "ribelli" siriani sostenuti dagli Stati Uniti in un altro tentativo di cambio di regime fallito a guida americana in Siria. E se ci sono meno jihadisti in Afghanistan in questo momento, è solo perché i talebani hanno ripreso il controllo del paese pezzo per pezzo mentre altri combattenti fuggono in altre parti della regione - una sorta di Big Bang jihadista. In 20 anni, la narrativa contro i talebani - che non ha mai avuto interessi, terroristi o altro, al di fuori dell'Afghanistan - è cambiata significativamente. Quando l'ex presidente George W. Bush annunciò per la prima volta attacchi aerei americani "contro i campi di addestramento dei terroristi di Al Qaeda e le installazioni militari del regime talebano in Afghanistan" in un discorso alla nazione il 7 ottobre 2001, specificò: "Queste azioni accuratamente mirate sono progettate per far si che l'Afghanistan non venga più usato come base operativa dei terroristi e per attaccare la capacità militare del regime talebano". Bush aveva chiarito che i talebani erano un obiettivo. E oggi, l'America sta terminando le operazioni di combattimento dopo aver negoziato un accordo con i talebani - in particolare gli stessi talebani che erano detenuti nella prigione militare di Guantanamo Bay fino al 2014 - e che potrebbe o meno estendersi con successo ai combattenti effettivi sul campo, molti dei quali hanno vissuto sotto l'occupazione americana e alleata del loro paese sin dalla nascita e che potrebbero non essere interessati a seguire i consigli di Boomers.


Molti conservatori credevano nell'originaria missione antiterrorismo e credevano che l'operazione militare fosse necessaria per ridurre il rischio di attacchi futuri e, in definitiva, per promuovere la democrazia. Ma ora, 20 anni dopo, è chiaro che l'Afghanistan era poco più di un pretesto per prendere piede nella regione. L'attenzione sull'Afghanistan ha portato rapidamente al cambio di regime in Iraq e alla costruzione del più grande complesso di ambasciate statunitensi nel mondo. Da lì, il cambio di regime siriano contro il presidente Bashar al-Assad, alleato iraniano, è diventato l'obiettivo principale, con le risorse del Pentagono e della CIA che si sono riversate nel sostegno ai combattenti per procura jihadisti locali. È difficile non notare che tutti questi paesi su una mappa formano un bel cerchio intorno all'Iran. E, in retrospettiva, la buona volontà che molti di noi hanno avuto sulla scia degli attacchi dell'11 settembre all'America nel fare tutto il necessario per garantire che non accada mai più ora sembra che fosse un assegno in bianco di 20 anni da perseguire un'agenda molto diversa, che ha poco a che fare con un reale pericolo per la patria degli Stati Uniti, e molto di più con gli interessi economici legati alle risorse naturali della regione. Né possiamo dire in retrospettiva che si trattasse di aiutare il popolo afghano o in particolare le sue donne - il cui futuro e diritti sotto il futuro governo talebano e la legge della sharia sono ora incerti, indipendentemente da qualunque cosa gli Stati Uniti pensino di aver negoziato. Nel 2001, il Partito Repubblicano e i suoi sostenitori erano in gran parte uniti nell'andare in guerra in Afghanistan. Ma 20 anni di missioni striscianti che si sono estese ad altri paesi della regione - che alla fine hanno diffuso il caos piuttosto che la democrazia o la stabilità - hanno trasformato molti conservatori in anti-interventisti. Eppure l'establishment del Partito Repubblicano è ancora dominato dai neoconservatori. I conservatori contrari a perpetuare i fallimenti dell'infinita ingerenza degli Stati Uniti, ma che non vogliono avere nulla a che fare con la sinistra, hanno trovato un terreno comune con la posizione della grande tenda del conservatorismo russo, in particolare perché la Russia si muove spesso per ripulire i pasticci lasciati nei nidi jihadisti creati dal caos interventista statunitense. Più o meno allo stesso modo in cui la sinistra latinoamericana ha trovato un'eco in Unione Sovietica a causa dell'ingerenza americana, lo stesso è ora accaduto con una parte significativa della destra statunitense che trova una causa comune nella visione del mondo promossa dalla Russia di Vladimir Putin poiché si occupa delle conseguenze delle misure americane. E questa, forse, è la vera eredità per la politica interna americana degli ultimi 20 anni del paese in Afghanistan.


>>>articolo originale online>>>

tutte le news>>>















.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito