Contro IL Deep State


06 luglio 2021
La cosiddetta insurrezione del 6 gennaio 2021: l'FBI sapeva già da prima secondo il sito Revolver

La cosiddetta insurrezione del 6 gennaio 2021: l'FBI sapeva già da prima secondo il sito Revolver



I veri cospiratori non incriminati nel caso del 6 genaio sollevano inquietanti interrogativi sulla conoscenza del futuro che avevano a livello federale (vedi FBI)


Di tutte le domande poste, le parole pronunciate e l'inchiostro versato sul cosiddetto “Assedio del Campidoglio” del 6 gennaio 2021, nessuna è la chiave dell'intero evento come quella chiesta dalla senatrice Amy Klobuchar a Christopher Wray.

La democratica del Minnesota ha chiesto al direttore dell'FBI nominato da Trump:

il governo federale si è infiltrato in una delle cosiddette organizzazioni di ‘milizia’ che si dichiarava responsabile della pianificazione e dell'esecuzione dell'assedio del Campidoglio”? Il segmento completo è disponibile su YouTube.


Christopher Wray è stato in grado di evitare di rispondere direttamente alla domanda, in parte perché Klobuchar gli ha fatto la cortesia di non fargli la domanda direttamente. Klobuchar chiede invece al direttore dell'FBI se avesse desiderato infiltrarsi nelle organizzazioni della milizia presumibilmente coinvolte nei fatti del 6 gennaio - assumendo fin dall'inizio il controllo delle operazioni per evitare in realtà le infiltrazioni, fornendo così al direttore dell'FBI un modo semplice per evitare di affrontare la questione in un modo o un altro. Revolver News è disposta ad affrontare direttamente la questione nelle seguenti tre domande:


All’inizio dell’anno che ha portato al 6 gennaio e durante il 6 gennaio stesso, in che misura i tre gruppi di milizia principali (gli Oath Keepers, i Proud Boys e i Three Percenters) che l'FBI, il Dipartimento di Giustizia (DOJ), il Pentagono e i e la rete dei principali quotidiani hanno etichettato come i principali responsabili della pianificazione e dell'esecuzione di un attacco al Campidoglio il 6 gennaio sono stati infiltrati dalle agenzie del governo federale, o informatori di dette agenzie?

Esattamente quanti agenti federali sotto copertura o informatori confidenziali erano presenti alla manifestazione del Campidoglio o dentro il Campidoglio durante il famigerato “assedio” e quali ruoli hanno svolto (semplicemente informatori passivi o istigatori attivi)?

Infine, di tutti i principali cospiratori non incriminati a cui si fa riferimento negli atti di accusa nei confronti di coloro che sono ritenuti responsabili di crimini il 6 gennaio, quanti hanno lavorato come informatori riservati o come agenti sotto copertura per il governo federale (FBI, controspionaggio dell'esercito, ecc. )?


D'ora in poi, tutta la discussione sul 6 gennaio deve lasciare il posto a un focus simile a un laser sulle domande di cui sopra, con una perseveranza incrollabile nell'ottenere le risposte.


Se la narrativa sul 6 gennaio non è conforme alle domande precedenti, il popolo americano non conoscerà mai la verità più importante su cosa sia accaduto il 6 gennaio e in che tipo di paese vivono realmente.

Se si scopre che il governo federale ha effettivamente avuto agenti sotto copertura o informatori riservati incorporati nei cosiddetti gruppi di miliziani incriminati per aver cospirato ad ostacolare la certificazione del Senato il 6 gennaio, le implicazioni sarebbero a dir poco sismiche.

Soprattutto se tali agenti o informatori godevano di posizioni di alto livello all'interno di tali gruppi. Uno dei punti chiave di consenso tra l'FBI-DOJ e i media di regime è l'idea che, mentre i fatti del 6 gennaio sono principalmente colpa dei "terroristi interni" che sostengono Trump, QAnon, è secondariamente colpa dei cosiddetti “fallimenti dell'intelligence”.


La stessa domanda di Klobuchar nell'udienza del capo dell'FBI del 2 marzo 2021 (sopra) rafforza questa narrativa di "fallimento dell'intelligence", ma non è la sola. Un'indagine del Senato "bipartisan" di cinque mesi è recentemente arrivata alla stessa narrativa di "fallimento dell'intelligence" per spiegare la violazione del Campidoglio e gli eventi associati al 6 gennaio:


Un'indagine bipartisan del Senato sulla mortale insurrezione del 6 gennaio ha riscontrato fallimenti di sicurezza e intelligence a tutti i livelli di governo che hanno portato alla violazione del Campidoglio da parte di una folla pro-Trump mentre i parlamentari in una sessione congiunta stavano certificando le elezioni del 2020.


Il rapporto di 95 pagine, prodotto di un'indagine congiunta di circa cinque mesi da parte dei comitati per la sicurezza interna e le regole del Senato, ha riscontrato falle significative che mettono sotto accusa "le agenzie di intelligence federali che non hanno avvertito di una potenziale violenza, alla mancanza di pianificazione, prevenzione e preparazione della Polizia del Campidoglio, e la leadership delle forze dell'ordine. Secondo i comitati, non c'era un piano operativo o del personale complessivo per quel fatidico giorno, un totale fallimento della leadership. (Notizie ABC).


Se si scopre che il governo federale (FBI, Controspionaggio Militare o un'agenzia simile) aveva agenti sotto copertura o informatori confidenziali incorporati in uno dei gruppi coinvolti nei fatti del 6 gennaio, le "agenzie di intelligence federali che non hanno avvertito di potenziali atti di violenza "Sembra meno un errore innocente e più qualcosa di sinistro. In effetti, se il governo federale fosse a conoscenza di un potenziale di violenza all'interno o intorno al Campidoglio il 6 gennaio e non avesse richiesto una maggiore sicurezza, le agenzie responsabili potrebbero in effetti essere legalmente responsabili per i danni subiti durante quel giorno.


È inquietante considerare la possibilità che il governo federale fosse a conoscenza di un potenziale atto di violenza il 6 gennaio e non abbia fatto nulla per fermarlo. Sorge spontanea la domanda: perché le agenzie, o alcuni elementi all'interno, dovrebbero sedersi e lasciare che qualcosa del genere accada di proposito?


Una possibilità ancora più inquietante nasce da un attento studio dei dirigenti cospiratori non incriminati elencati nei vari documenti di accusa di individui che affrontano le accuse più gravi relative al 6 gennaio.


Noi di Revolver News abbiamo notato uno schema dalla nostra indagine ormai lunga mesi sul 6 gennaio - e in particolare dal nostro meticoloso studio dei documenti che gravano sugli accusati. In molti casi i dirigenti cospiratori non incriminati sembrano essere partecipanti molto più aggressivi ed eclatanti nella cosiddetta "cospirazione" che serve come base per incriminare gli accusati.


La domanda sorge immediatamente sul perché questo sia il caso e ci costringe a considerare se alcuni individui sono protetti dall'accusa perché sono stati coinvolti nei fatti del 6 gennaio come agenti sotto copertura o informatori riservati per un'agenzia federale. Qui è utile tracciare una distinzione tra due categorie discrete di partecipanti al cosiddetto Assedio del Campidoglio.


La prima categoria è il gruppo di turisti per lo più innocui che hanno varcato porte già aperte e barricate già rimosse, e tutt'al più si sono resi colpevoli di lieve violazione di domicilio e reati contro la proprietà. Il secondo gruppo è composto da coloro che sono stati violenti con agenti di polizia, hanno abbattuto barricate, sfondato finestre, appartenevano a un gruppo di "milizia" impegnati in una pianificazione di tipo militare prima dell'evento, avevano discusso di trasporto di armi pesanti e così via.


Finora, la stragrande (forse esclusiva) quota di segnalazioni contro l'ESTABLISHMENT sui fatti del6 gennaio si è concentrata sull'assoluzione del primo gruppo. E questa è una cosa importante e di grande valore.

L'idea che queste innocue "mamme MAGA" che vagano per il Campidoglio fossero terroristi domestici coinvolti in un'insurrezione è assurda.

Il fatto che molte di queste persone siano detenute in prigione, senza cauzione, in condizioni durissime, costituisce un abuso inaccettabile e oltraggioso dei diritti umani fondamentali. Tuttavia, la possibilità che il governo federale abbia avuto agenti o informatori sotto copertura coinvolti negli eventi del 6 gennaio, dalla sua pianificazione alla sua esecuzione, ci costringe a rivolgere la nostra attenzione alla seconda categoria di partecipanti. Siamo particolarmente interessati ai principali cospiratori non incriminati che appartenevano a uno qualsiasi dei tre grandi "gruppi di milizia" - gli Oath Keepers, i Proud Boys e i Three Percenters. In effetti, sono questi gruppi di milizia il cui comportamento, le dichiarazioni e la pianificazione che precedono e durante il 6 gennaio si allineano più strettamente con la caricatura "violenta insurrezionista" di cui sentiamo parlare nei media, e che il governo afferma di perseguire nella sua aggressiva strategia di procedimenti giudiziari.


Se si scopre che una percentuale straordinaria dei membri di questi gruppi coinvolti nella pianificazione e nell'esecuzione dell'assedio al Campidoglio erano informatori federali o agenti sotto copertura, le implicazioni sarebbero a dir poco sbalorditive. Questo sarebbe molto peggio della già brutta situazione del governo che conosce la possibilità della violenza e non fa nulla. Invece, ciò implicherebbe che elementi del governo federale fossero istigatori attivi negli aspetti più eclatanti e spettacolari dei fatti del 6 gennaio, pari a un monumentale schema di intrappolamento usato come pretesto per imprigionare manifestanti altrimenti innocui al Campidoglio - e in un senso molto più ampio usato per additare tutti i membri dell'intero movimento MAGA come potenziali terroristi interni. Questa è la posta in gioco dietro agli eventi del 6 gennaio.


Continua...



(Vedi anche Amy Klobuchar questions FBI Director about Capitol Insurrection, Proud Boys Mar 2, 2021


>>>articolo originale online>>>

tutte le news>>>















.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito