Politica


03 maggio 2021
Intervista del ministro degli Esteri Sergey Lavrov: "Gli Stati Uniti smettano di agire come sovrani del mondo"
PRIMA PARTE

Intervista del ministro degli Esteri Sergey Lavrov al direttore generale dell'Agenzia internazionale di informazione Rossiya Segodnya, Dmitry Kiselev, Mosca,


PRIMA PARTE

Dmitry Kiselev: Le nostre relazioni con gli Stati Uniti sono davvero “infernali”. Personalmente, non ricordo che fossero a un livello così basso mai visto prima. Questo è anche peggio dei tempi della Guerra Fredda, secondo me. Gli ambasciatori sono tornati nei loro paesi d'origine. Cosa succederà dopo? Qual è il possibile scenario?


Sergey Lavrov: Se dipendesse solo da noi, riprenderemmo volentieri rapporti normali. Il primo possibile passo in tal senso, che considero ovvio, è l'azzeramento delle misure che limitano il lavoro dei diplomatici russi negli Stati Uniti. Come misura di risposta, abbiamo limitato le operazioni dei diplomatici americani in Russia.


Lo abbiamo proposto all'amministrazione Biden non appena ha prestato giuramento e assunto l'incarico. Ho parlato dell'idea al Segretario di Stato americano Antony Blinken. Non ho provato a fare premessioni su di lui;

Ho appena detto che un modo ovvio per normalizzare le nostre relazioni sarebbe quello di azzerare le misure avviate da Barack Obama. Diverse settimane prima di lasciare l'incarico, l’ex presidente era così seccato che ha praticamente sbattuto la porta sequestrando proprietà russe in violazione di tutte le convenzioni di Vienna e buttando fuori diplomatici russi. Ciò ha causato una reazione a catena.


Ci siamo pazientemente seduti a lungo, fino all'estate del 2017, prima di prendere qualsiasi misura di risposta. L'amministrazione Trump ci ha chiesto di ignorare le misure eccessive prese dall'amministrazione uscente Obama. Tuttavia, il team di Donald Trump non è riuscito a normalizzare la situazione e quindi abbiamo dovuto prendere misure reciproche. Ma gli americani non si sono fermati qui.


Possiamo vedere che l'amministrazione Biden continua ad andare in discesa, anche se il presidente degli Stati Uniti Biden ha detto durante la sua conversazione con il presidente della Russia Vladimir Putin subito dopo il suo insediamento, e il segretario di Stato americano Antony Blinken mi ha detto che stanno esaminando a fondo le loro relazioni con la Russia, sperando che questo chiarisse molte cose. Tuttavia, hanno invece adottato nuove sanzioni, che hanno innescato non semplicemente una risposta speculare da parte nostra. La nostra risposta è stata asimmetrica, proprio come li avevamo avvertiti in numerose occasioni.

Ha a che fare, in parte, con una notevole disparità nel numero di diplomatici e altro personale delle missioni diplomatiche statunitensi in Russia, che è molto superiore al numero dei diplomatici russi negli Stati Uniti.


Per quanto riguarda il quadro strategico delle nostre relazioni, spero che Washington sia consapevole, proprio come Mosca, della nostra responsabilità per la stabilità globale. Non ci sono solo i problemi della Russia e degli Stati Uniti, che complicano la vita dei nostri cittadini e i loro contatti, comunicazioni, imprese e progetti umanitari, ma anche differenze che rappresentano un serio rischio per la sicurezza internazionale nel senso più ampio possibile della parola.


Ricordi come abbiamo risposto all'indignazione che ha avuto luogo durante l'intervista di Joe Biden con la ABC. Sapete anche come ha reagito il presidente Putin alla proposta di un incontro del presidente Biden. Ne abbiamo valutato positivamente, ma vorremmo comprendere tutti gli aspetti di questa iniziativa, che stiamo attualmente analizzando.


Niente di buono ne verrà fuori, a meno che gli Stati Uniti non smettano di agire come sovrani del mondo, come ha detto il presidente Putin nel suo discorso all'Assemblea federale, accettino l'inutilità di qualsiasi tentativo di rilanciare il mondo unipolare o di creare un'architettura in cui tutti i paesi occidentali sarebbe subordinato agli Stati Uniti e il campo occidentale lavorerebbe insieme per “radunare” altri paesi in tutto il mondo contro Cina e Russia, ammetta che era per uno scopo che la Carta delle Nazioni Unite ha sigillato principi come il rispetto per la sovranità e l'integrità territoriale così come la non interferenza negli affari interni di altri stati e l'uguaglianza sovrana degli stati, e semplicemente onora i suoi impegni e inizia a parlare con noi, proprio come con qualsiasi altro paese, sulla base del rispetto reciproco e per un equilibrio di interessi , che deve essere stabilito. Il presidente Putin lo ha detto chiaramente nel suo discorso, sottolineando che la Russia è sempre aperta ad ampi accordi internazionali se soddisfano i nostri interessi. Ma risponderemo duramente a qualsiasi tentativo di attraversare la linea rossa, che determineremo noi stessi.


Dmitry Kiselev: Sarebbe realistico aspettarsi che se ne rendano conto e smettano di agire come sovrani globali? La speranza va bene, ma la realtà è completamente diversa.


Sergey Lavrov: Non ho espresso alcuna speranza. Ho appena accennato alle condizioni in base alle quali saremo pronti a parlarne.


Dmitry Kiselev: E se rifiutassero?


Sergey Lavrov: Sarà una loro scelta. Ciò significa che vivremo in condizioni di guerra fredda, o anche peggio, come ha già detto lei.

A mio parere, la tensione era alta durante la Guerra Fredda e c'erano numerose situazioni di conflitto ad alto rischio, ma c'era anche rispetto reciproco.


Ci sono state alcune note schizofreniche nelle dichiarazioni fatte da alcuni funzionari di Washington. Il portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha detto poco fa che le sanzioni contro la Russia sarebbero continuate, che stanno producendo, in generale, un effetto desiderato e che il loro obiettivo non è quello di “intensificare” i rapporti con la Russia. Anche io non so come commentare questo. Spero che chiunque possa vedere che tali dichiarazioni non danno credito a coloro che sostengono e promuovono questa politica.


Dmitry Kiselev: Ho avuto la possibilità di sentire un'opinione - forse anche un'opinione comune, in una certa misura, in certi circoli - secondo cui i diplomatici stanno facendo un cattivo lavoro, che stiamo costantemente scavando la terra sotto i nostri piedi, che la nostra posizione è inflessibile e non elastica, e questo è il motivo per cui i nostri rapporti impoveriscono.


Sergey Lavrov: Allude ai circoli all'interno di questo paese?



Dmitry Kiselev: Sì, in questo paese.


Sergey Lavrov: Sì, ho letto anche queste cose. Per fortuna, questo paese protegge la libertà di parola molto meglio di molti paesi occidentali, inclusi gli Stati Uniti. Ho letto le notizie in rete e i giornali dell'opposizione, e penso che forse queste persone hanno il diritto di esprimere il loro punto di vista che consiste in questo:

Se ci astenessimo dal litigare con l'Occidente, avremmo il parmigiano e molto altro ancora. Cose che sinceramente ci mancano; ma per qualche motivo, sono stati tagliati gli acquisti di cibo a breve in Occidente (non spiegano nemmeno che ciò è stato fatto come risposta), hanno smesso di comprare cibo e sono passati alla sostituzione delle importazioni, aumentando così il prezzo del loro cibo”.


Sa, questa è una visione angusta e sbilanciata presa interamente dal punto di vista dei comfort, una scelta tra un televisore e un frigorifero. Se pensano che sia essenziale accettare i valori degli Stati Uniti, vorrei ricordare loro ciò che il presidente degli Stati Uniti John Kennedy, il più grande presidente degli Stati Uniti secondo me, una volta disse: “Non pensare a quello che il tuo paese può fare per te. Pensa cosa puoi fare per il tuo paese”. Questa è una distinzione radicale dalle opinioni liberali odierne, in cui solo il benessere personale e i sentimenti personali sono le cose che contano.


I promotori di questi approcci filosofici, per come la vedo io, non solo non sono consapevoli di cosa sia il nostro codice genetico, ma cercano in tutti i modi di indebolirlo. Perché, a parte il desiderio di vivere bene, di essere ben nutriti, di avere la certezza che anche i propri figli, amici e parenti stiano bene, un sentimento di orgoglio nazionale ha sempre giocato un ruolo altrettanto importante in quello che abbiamo fatto durante i nostri mille anni di storia. Se qualcuno pensa che questi valori non abbiano importanza per lui o per lei, come è (politicamente) corretto dire ora, è una sua scelta, ma sono certo che la stragrande maggioranza della nostra gente ha un'opinione diversa.


Dmitry Kiselev: Contate su un incontro con Antony Blinken? Quando si potrà tenere questo incontro e avrà luogo nel prossimo futuro?


Sergey Lavrov: Quando abbiamo parlato al telefono, mi sono congratulato con lui rispettando l'etichetta diplomatica. Ci siamo scambiati alcune valutazioni della situazione (attuale). Il discorso è stato, credo, ben intenzionato, calmo e pragmatico. Quando i nostri colleghi statunitensi avranno completato il personale del loro Dipartimento di Stato, saremo pronti a riprendere i contatti - naturalmente, fermo restando che ci impegneremo nella ricerca di accordi reciprocamente accettabili su molti problemi, a partire dal funzionamento delle missioni diplomatiche e terminando con stabilità strategica e molte altre cose. Le comunità imprenditoriali statunitensi e russe sono preoccupate di espandere la loro cooperazione, qualcosa che ci ha recentemente detto la Camera di commercio russo-americana. Abbiamo concluso affermando che ci saranno alcuni eventi multilaterali congiunti, a margine dei quali potremo, come offre il caso, dialogare. Ma finora nessun segnale è arrivato dagli Stati Uniti. Parlando del programma degli eventi, la Russia assumerà la presidenza del Consiglio artico dall'Islanda tra tre settimane. Dal 20 al 21 maggio si terrà a Reykjavík una riunione ministeriale del Consiglio artico. Se il segretario Blinken guiderà la delegazione degli Stati Uniti, sarò ovviamente pronto a parlare con lui, se è interessato. Dato che presiederemo il Consiglio artico per i prossimi due anni, ho informato i nostri colleghi islandesi che parteciperò a questa riunione ministeriale.


Dmitry Kiselev: C'è qualche certezza su chi si unirà sicuramente alla lista degli stati ostili?


Sergey Lavrov: Il governo russo si sta occupando di questo su istruzioni del presidente russo Vladimir Putin. Stiamo partecipando a questo lavoro, così come le altre rispettive agenzie. Non vorrei saltare subito alla pistola in questo momento. Siamo riluttanti a essere indiscriminati e mettere in quella lista qualsiasi paese che dirà da qualche parte “qualcosa di sbagliato” sulla Russia. La nostra decisione si baserà, ovviamente, su un'analisi approfondita della situazione e sulla possibilità di intravedere opportunità per dialogare con quel paese in modo diverso. Se giungiamo alla conclusione che non ce ne sia alcuna possibilità, allora, credo, l'elenco verrà ovviamente periodicamente ampliato. Ma questa non è una lettera “morta”. Come è naturale, sarà rivisto in base a come si sviluppano le nostre relazioni con questo o quello stato.


Dmitry Kiselev: Quando il pubblico potrà leggere questo elenco?


Sergey Lavrov: Presto, credo. Il governo russo ha incarichi concreti. Comprendiamo i criteri che ci guidano in questo lavoro. Quindi, adesso penso, che l'attesa non sarà molto lunga.


Dmitry Kiselev: Agli stati ostili sarà vietato assumere forza lavoro locale?


Sergey Lavrov: Ci sarà il divieto di assumere qualsiasi persona fisica sia russa che straniera.


Dmitry Kiselev: È questa l'unica misura per quanto riguarda gli stati ostili o alcune altre misure sono in vista?


Sergey Lavrov: In questa fase, questo è l'obiettivo concreto fissato nell'ordine esecutivo firmato dal presidente della Russia Vladimir Putin.


Dmitry Kiselev: Il Donbass è un altro argomento. Le tensioni hanno continuato a intensificarsi dall'inizio del 2021 e sembra che si siano un po’ placate da quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha chiamato il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin. Nel mio programma Notizie della settimana, ho notato che le garanzie militari statunitensi all'Ucraina si erano rivelate un bluff. Tuttavia, le sparatorie continuano e stanno usando armi vietate di grosso calibro. Sembra che questa pace non sia molto diversa dalla guerra e che l'equilibrio sia altamente instabile. Oltre 500.000 cittadini russi ora vivono nel Donbass. Ci sarà una guerra?


Sergey Lavrov: La guerra può e deve essere evitata, se questo dipende da noi e dai combattenti per l'autodifesa, per quanto ne comprendiamo i principi. Non posso parlare e fare ipotesi a nome del partito ucraino e del presidente ucraino Vladimir Zelensky perché, secondo tutte le indicazioni, il suo obiettivo principale è rimanere al potere. È pronto a pagare qualsiasi prezzo, come assecondare i neonazisti e gli ultra-radicali che continuano a bollare i combattenti di autodifesa del Donbass come terroristi. I nostri colleghi occidentali dovrebbero rivalutare gli sviluppi che si sono verificati dal febbraio 2014. Nessuno di questi distretti ha attaccato il resto dell'Ucraina. Sono stati etichettati come terroristi e contro di loro è stata lanciata un'operazione antiterrorismo e poi un'altra operazione che ha coinvolto “forze congiunte”. Ma sappiamo per certo che non hanno alcun desiderio di fare la guerra ai rappresentanti del regime di Kiev.


Ho ripetutamente detto ai nostri colleghi occidentali, che sono totalmente di parte nella loro valutazione degli sviluppi attuali e che difendono incondizionatamente le azioni di Kiev, che i giornalisti russi e i corrispondenti di guerra che lavorano dall'altra parte della linea di demarcazione mostrano un quadro oggettivo. Là lavorano in trincea quasi senza tregua e forniscono notizie quotidiane. Questi rapporti mostrano i sentimenti delle persone che vivono in questi territori che sono tagliati fuori dal resto dell'Ucraina da un blocco economico, dove vengono regolarmente uccisi bambini e civili e dove vengono distrutte le infrastrutture civili, le scuole e gli asili. Ho chiesto ai nostri colleghi occidentali perché non incoraggiano i loro organi di stampa a organizzare lo stesso lavoro sul lato sinistro della linea di demarcazione, in modo da poter valutare l'entità del danno e vedere quali strutture sono state le più colpite.


Per quanto riguarda i recenti sviluppi, quando abbiamo annunciato apertamente le esercitazioni militari nei distretti militari meridionali e occidentali - non ne abbiamo fatto mistero, ricordate le grida sul presunto accumulo russo al confine con l'Ucraina. Basta dare un'occhiata ai termini usati: si parla di esercitazioni nei distretti militari meridionali e occidentali, mentre si dice che la Russia stia ammassando truppe al confine ucraino. E quando le esercitazioni sono terminate e abbiamo fatto l'annuncio pertinente, l'Occidente ha affermato maliziosamente che la Russia doveva fare marcia indietro, ritirarsi. Questo è un esempio di pio desiderio.


Questo ricorda la situazione con il G7: ogni volta che si incontrano annunciano che la Russia non sarà invitata al gruppo. Abbiamo affermato in numerose occasioni che non ci uniremo mai più, che non ci sarà alcun G8 e che questo è un ricordo del passato. Tuttavia, i continui riferimenti a questo argomento, così come le affermazioni che la Russia si è “ritirata” e ha ordinato alle sue truppe di “tornare nelle loro caserme”, mostra, ovviamente, che in questo caso l'Occidente vuole soprattutto approfittare della situazione per dimostrare che ha l'ultima parola e il posto dominante nelle moderne relazioni internazionali. Questo è deplorevole.


Il tema di un accordo in Ucraina è stato discusso dal presidente Putin e dal cancelliere tedesco Angela Merkel. L'altro giorno il presidente Putin ne ha parlato con il presidente francese Emmanuel Macron. La questione è stata sollevata anche durante una recente conversazione con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. La situazione è chiara, per come la vedo io. I protettori del presidente ucraino Vladimir Zelensky e la sua squadra si rifiutano di fargli onorare gli accordi di Minsk, anche se sono consapevoli dell'inutilità del tentativo di usare la forza militare; hanno sentito i segnali inviati da Donetsk e Lugansk sulla loro disponibilità a difendere la loro terra, le loro case e la loro gente che si rifiuta di vivere secondo le leggi applicate dai neonazisti.


Il presidente Putin ha detto chiaramente che non abbandoneremo mai il popolo del Donbass, che si oppone al regime neonazista apertamente radicale. Il presidente Zelensky continua a dire nelle sue interviste che non ci sono problemi con la lingua russa o la Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca, e che è disposto a discutere tutti questi argomenti con il presidente Putin. Forse è un peccato che una persona che ho sempre considerato intelligente dica che la lingua russa e la Chiesa ortodossa ucraina non hanno problemi in Ucraina. Non ho dubbi che sia ben consapevole della situazione. Forse non gli viene riferito niente, ma in quel caso vive in un mondo di sogno. Ma l'Occidente ha decisamente inviato i suoi segnali a Zelenskyj.


Come ha detto lei, sarebbe insensato riporre speranze sull'assistenza militare statunitense. Questo è sempre stato chiaro a tutti. Se qualcuno ha accarezzato tali illusioni, tali consiglieri non servono a nulla in nessun governo, compreso il governo di Mr Zelensky. Purtroppo, l'Occidente continua a cercare di convincerci che gli accordi di Minsk dovrebbero essere mitigati e la sequenza delle azioni in essi esposte è cambiata. Zelensky dice che gli piacciono gli accordi, ma solo se vanno nella direzione da lui desiderata, che prima prendono il pieno controllo di questi territori, compreso il confine con la Russia, e solo dopo si occupano delle elezioni, dell'amnistia e di uno status speciale per questi territori. È chiaro che se lo facessero, se gli fosse permesso di farlo, ci sarebbe un massacro. L'Occidente non può o non vuole costringere Zelenskyj a rispettare gli Accordi di Minsk rigorosamente secondo la sequenza in essi stabilita, che non consente alcuna doppia interpretazione ed è stata formulata in modo inequivocabile dal primo all'ultimo passo. Il controllo del confine è l'ultimo passo da compiere dopo che questi territori hanno ricevuto uno status speciale, che deve essere sancito dalla Costituzione dell'Ucraina, dopo che vi si sono svolte libere elezioni e i loro risultati sono stati riconosciuti come tali dall'OSCE.


Ovviamente ci deve essere anche l'amnistia totale. Non nel modo previsto dal governo Poroshenko o dall'attuale regime, che vogliono solo approvare un'amnistia su base individuale per coloro che hanno dimostrato di non aver commesso alcun crimine. Questa è ancora un'altra interpretazione errata. Gli accordi di Minsk prevedono un'amnistia per coloro che hanno preso parte ai combattimenti da entrambe le parti, senza alcun processo di giustizia di transizione, di cui i nostri colleghi occidentali stanno ora iniziando a discutere.


Credo che il peso maggiore della responsabilità spetti all'Occidente, perché solo l'Occidente può far onorare al presidente Zelensky gli impegni che il suo predecessore ha firmato e lui stesso successivamente ha firmato a Parigi nel dicembre 2019 quando lui, i presidenti di Russia e Francia e il cancelliere della Germania hanno ribadito l'assenza di qualsiasi alternativa alla rigorosa osservanza degli accordi di Minsk e si è impegnato a modificare la legislazione e la costituzione ucraina per formalizzare lo status speciale del Donbass su base permanente.


Dmitry Kiselev: Molte persone si chiedono perché la Russia non riconosce il Donbass. Ha riconosciuto l'Abkhazia e l'Ossezia meridionale. C'è una “lobby” interna in Russia, anche tra i miei colleghi giornalisti, che chiedono il riconoscimento del Donbass, la Repubblica popolare di Donetsk e la Repubblica popolare di Lugansk. Perché stiamo fallendo in questo?


Sergey Lavrov: Ha ragione sul fatto che esiste un'analogia con l'Abkhazia e l'Ossezia meridionale. Ma c'è solo un'eccezione: nessun accordo simile al pacchetto di misure di Minsk è stato firmato in quei paesi, quando si è verificata l'aggressione di Saakashvili contro Tskhinval e le posizioni delle forze di pace, comprese le forze di pace russe. Il documento Medvedev-Sarkozy è stato discusso lì e implicava una serie di passaggi. Ma non è stato firmato dalla Georgia.

Il presidente francese Nicolas Sarkozy, dopo aver raggiunto un accordo con noi a Mosca, ha preso un aereo per Tbilisi per garantire il sostegno di Saakashvili al documento. Saakashvili l'ha firmato, ma ha cancellato tutte le disposizioni chiave. L'onorevole Sarkozy ha tentato di rappresentarlo come un compromesso, ma tutti hanno capito come stavano le cose. Aveva un preambolo che diceva che la Federazione russa e la Repubblica francese, desiderose di normalizzare la situazione nel Caucaso meridionale, propongono alla Georgia, all'Abkhazia e all'Ossezia meridionale quanto segue: un cessate il fuoco. Saakashvili ha cancellato l'intestazione, lasciando solo la prima e le successive voci. Da allora, l'Occidente ha chiesto che rispettassimo questi accordi. Questo è solo un esempio.


Nel caso del Donbass, la situazione era diversa. Le trattative di 17 ore a Minsk che hanno coinvolto i leader del formato Normandia (il presidente francese Francois Hollande, il cancelliere tedesco Angela Merkel, il presidente ucraino Petr Poroshenko e il presidente russo Vladimir Putin) hanno prodotto un risultato, che è stato approvato, due giorni dopo, dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite senza alcun emendamento o dubbio che debba essere attuato.


Oggi, la verità morale e giuridica internazionale è dalla nostra parte e dalla parte delle milizie del Donbass. Penso che non dobbiamo lasciare che il signor Zelensky e tutta la sua squadra si tiri “fuori dai guai”, contorcendosi come vorebbe. L'affermazione di Zelensky è un bell'esempio (fatta quando aveva del tutto perso la speranza di ribaltare gli accordi di Minsk) secondo il quale questi non sono buoni, sebbene necessari, perché il salvataggio degli accordi di Minsk garantisce che le sanzioni contro Mosca saranno preservate ugualmente. Abbiamo chiesto all'Occidente cosa ne pensa. Gli occidentali si limitano a guardare da una parte con vergogna senza dire nulla. Penso che sia una vergogna e una disgrazia, quando un documento legale internazionale viene deriso in questo modo. L'Occidente, che è coautore di questo documento e lo ha sostenuto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, sta dimostrando assoluta impotenza.


Dmitry Kiselev: il presidente ucraino Vladimir Zelensky non può ricevere una chiamata dal presidente russo Vladimir Putin, che non sta alzando il ricevitore. La sua controparte ucraina, Dmitry Kuleba, non può chiamarla. Cosa significa questo? Perchè tutto questo?


Sergey Lavrov: Ciò significa che stanno cercando di rivedere gli accordi di Minsk e rappresentare la Russia come parte in conflitto anche in questo settore delle loro attività.


Le richieste pervenute fino a poco tempo fa sia dal mio omologo Kuleba che dal presidente Zelensky hanno affrontato l'argomento degli insediamenti nel Donbass. Abbiamo risposto che questo (argomento) non dovrebbe essere discusso con noi, ma con Donetsk e Lugansk, come concordato in base agli accordi di Minsk. L’intesa dice in bianco e nero che le fasi chiave degli accordi dovrebbero essere oggetto di consultazioni e coordinamento con Donetsk e Lugansk. Quando dicono che “una brutta situazione si profila in lontananza” sulla linea di contatto e vogliono parlare con il ministro Sergey Lavrov e il presidente Vladimir Putin, stanno bussando alla porta sbagliata. L'altro giorno, incontrando il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko al Cremlino, il presidente Putin ha chiarito ampiamente che se volevano parlarne, l'indirizzo dovrebbe essere diverso. Se i nostri colleghi, compreso il presidente Zelensky, vogliono discutere su come normalizzare le relazioni bilaterali, sono i benvenuti. Siamo sempre pronti a parlarne.


Dmitry Kiselev: Finora non c'è stata risposta o accettazione, vero?


Sergey Lavrov: Ho sentito che il signor Zelensky ha incaricato il capo del suo ufficio, Andrey Yermak, di venire a patti sui tempi.

Quale sia il luogo non ha importanza, perché ogni giorno di ritardo significa nuove morti.


Per inciso, prendiamo il fatto che le persone stanno morendo e cosa sta succedendo sulla linea di contatto. Nelle ultime due settimane, Kiev ha insistito in modo piuttosto aggressivo sulla necessità di riaffermare il cessate il fuoco. Tutti i suoi sostenitori occidentali ci hanno anche esortato a influenzare il Donbass in modo che il cessate il fuoco si imponga sul serio. Parlando al telefono con il presidente Emmanuel Macron e il cancelliere Angela Merkel la scorsa settimana, il presidente Putin ha ricordato loro i fatti.

E i fatti sono i seguenti: nel luglio 2020, il Gruppo di contatto ha raggiunto quello che forse era l'accordo di cessate il fuoco più serio ed efficace, perché conteneva un meccanismo di verifica.

Questo ha implicato una sequenza di azioni, principalmente l'impegno di ciascuna parte a non rispondere al fuoco immediatamente sul posto, ma a segnalare la violazione al comando superiore e attendere il suo ordine su come agire, cioè se rispondere in natura o negoziare un accordo nell'ambito dei meccanismi creati per il collegamento da comandante a comandante sul terreno. Questo accordo, come era implicito, è stato tradotto in ordini militari emessi dalla DPR (Repubblica di Donetsk) e dalla LPR (Repubblica di Lugansk).

Questi ordini sono stati pubblicati. Kiev si è impegnata a fare lo stesso, ma non ha fatto nulla. Contrariamente ha ricominciato a giocherellare con le parole. Invece di adempiere all'obbligo di segnalare ogni attacco di bombardamento al comando superiore e ottenere ordini da loro, hanno iniziato a sostituire questo accordo chiaro con formule confuse, sebbene siano stati accusati di questo da Donetsk e Lugansk in tutte le riunioni successive e dai rappresentanti russi anche nel gruppo di contatto lo ha ripetutamente affermato. Lo stesso è accaduto nel formato Normandy. Questo è ciò che ha fatto in tutti questi mesi il vice capo di stato maggiore dell'ufficio esecutivo presidenziale Dmitry Kozak in contatto con i suoi colleghi francesi e tedeschi. Il capo dell'ufficio del presidente Zelensky, Andrey Yermak, rappresentava l'Ucraina. Ho letto le trascrizioni dei loro discorsi. Era come parlare a un muro di mattoni. Avevano obiettivi incrociati: i leader ucraini avevano ovviamente deciso che era necessario rilanciare la storia del cessate il fuoco. È stato vergognoso e sconveniente.


È stato un grande piacere guardare la serie Servant of the People, nel quale nessuno sospettava che il personaggio principale avrebbe seguito questo percorso nella vita reale. Ma ha preso la strada sbagliata. Se il signor Zelensky avesse guardato di nuovo la serie oggi e avesse cercato di scandagliare le convinzioni della persona che aveva impersonato così bene sullo schermo, e in seguito confrontasse quelle convinzioni con ciò che sta facendo ora, forse avrebbe ottenuto una delle trasformazioni più efficaci. Non so quando era se stesso e quando ha subito una trasformazione. Ma il contrasto è sorprendente.


Dmitry Kiselev: Un altro argomento è la Repubblica Ceca. Cosa è stata? Come dobbiamo intenderla?


Sergey Lavrov: Non posso speculare su questo perché non capisco intellettualmente cosa volessero. Si può guardare come una serie televisiva non troppo elegante.


Questa storia è piena di componenti schizofreniche. Il presidente ceco Milos Zeman dice che non dovrebbe essere classificato, non negando la possibilità di un atto sovversivo da parte di agenti stranieri, ma suggerendo di tenere conto della storia raccontata dalla leadership ceca, incluso il primo ministro in carica Andrej Babis (l'allora ministro delle finanze, nel 2014), che fu ritenuto negligente da parte dei proprietari del deposito. Il presidente Zeman ha solo suggerito di prendere in considerazione il caso che non è mai stato smentito nel corso dei sette anni. Ora è accusato di alto tradimento. Il presidente del Senato Milos Vystrcil ha detto che il presidente Zeman affermando la necessità di indagare su tutte le piste aveva svelato un segreto di stato. Questa non è schizofrenia? Un caso puro, credo.


È necessaria un'indagine su ciò che è stato immagazzinato nel deposito. I media tedeschi hanno affermato di aver trovato le mine antipersona vietate dalla convenzione firmata, tra l'altro, dalla Repubblica ceca e dalla Bulgaria. Rimangono molte domande.


Dmitry Kiselev: In effetti, come è potuto accadere che un certo cittadino bulgaro che forniva mine antiuomo (a quanto pare sono state trovate lì), controllava un deposito nella Repubblica Ceca che allora non era sotto il controllo del governo?


Sergey Lavrov: Questo è quello che succede.


FINE PRIMA PARTE


>>>articolo originale online>>>

tutte le news>>>















.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito