Contro IL Deep State


30 aprile 2021
Perché era necessario espellere l’ambasciatore USA da Mosca”

Vyacheslav Volodin Presidente della DUMA


Perché era necessario espellere l’ambasciatore USA da Mosca


Giornale russo a grandissima circolazione spiega perché in Russia hanno dovuto cacciare l’ambasciatore USA John Sullivan.

Notare che il popolarissimo Moscovsky Komsomolets (Московский комсомолец) sottolinea che l’elezione di Biden è stata la conseguenza di una manipolazione elettorale e, infatti, di un COLPO DI STATO (“In seguito alla manipolazione elettorale e, di fatto, al colpo di stato, un gruppo di personalità insignificanti è salito al potere negli Stati Uniti, molto poco preparato a lavorare per il bene del proprio Paese...”).

Tutti dovrebbero riflettere sul fatto che un giornale che sembra riflettere il punto di vista delle più importanti autorità della Federazione Russa, scriva apertamente e con grande sicurezza che i russi considerano il regime di Biden come un regime Golpista. E che le elezioni presidenziali sono state manipolate e falsificate. Quindi, si presume, tale regime non dovrebbe avere alcuna legittimità.


*****

Quella che segue è la traduzione dal quotidiano moscovita Moscovsky Komsomolets (Московский комсомолец), un tabloid con una grande diffusione a Mosca e, attraverso il suo sito web, in tutta la Russia.

https://www.mk.ru/politics/.

Parliamo della richiesta di partenza dell'ambasciatore degli Stati Uniti in Russia John Sullivan, che è stato solo un piccolo passo molto prima della vera espulsione. Va notato che l'ambasciatore in un primo momento ha rifiutato il “suggerimento” di tornare negli Stati Uniti “per consultazioni” a seguito di alcune mosse molto stupide dell'imposter-in-chief (impostore capo), Joe Biden, il quale chiama Vladimir Putin un “killer”, e poi gli chiede un vertice, seguito dall'imposizione di ulteriori penose sanzioni contro la Federazione Russa.

Dovrebbe essere chiaro negli Stati Uniti che la leadership della Federazione Russa ha esaurito la pazienza con l'imposizione pluriennale di sanzioni dopo sanzioni.

Perché è stato necessario espellere l'ambasciatore Usa da Mosca

La Russia è pronta a negoziare, ma non si arretrerà.

Il conflitto di oggi con l'Occidente si intensificherà, il che è assolutamente inevitabile. E la Russia vincerà, il che è anche del tutto inevitabile.


*****

Perché era necessario espellere l’ambasciatore USA a Mosca 

Scritto da Alexander Zapesotsky

Vyacheslav Volodin, presidente della Duma di Stato della Federazione Russa, ha formulato questa tesi in modo molto semplice e chiaro: “Gli Stati Uniti dovranno andare avanti e lasciare il posto alla Russia”.



Personalmente aderisco allo stesso punto di vista e lo presenterò sulla base dei materiali dei miei tanti anni di ricerca scientifica.



La prima domanda è perché lo scontro tra Russia e Stati Uniti sta avvenendo principalmente in Ucraina.



Gli Stati Uniti si sono insinuati in Ucraina come trampolino di lancio da cui fare pressione sulla Russia, sostenendo l'egemonia mondiale di un leader caduto in una grave crisi. Una delle manifestazioni della crisi è la degenerazione dell'élite che governa lo stato, che è chiaramente visibile quando salgono al potere “alti dirigenti” di diverse età - da Biden a Blinken e Psaki.



Sanno che il loro stesso paese si sta rapidamente trasformando in una specie di nocciola marcia. Il prodotto nazionale lordo è enorme, ma la quota di produzione materiale è in calo da molti anni, sostituita dalla produzione di servizi. E il debito pubblico è in costante crescita. Prestano servizi a se stessi, fanno il bagno nel lusso a spese dell'intero pianeta. Sono sostenuti dall'emissione del dollaro, da ingenti investimenti nelle forze armate e dal predominio nel Global Information Network.



Per dirla senza mezzi termini, “spingere tutti a mangiare di più e governare più a lungo”. Viene esercitata pressione sulla Russia per strapparla dal Commonwealth con la Cina con minacce.



L'Ucraina è la testa di ponte più conveniente per questa operazione. Va tenuto presente che questo paese, l’Ucraina, è uno stato fallito nel pieno senso della parola. A quanto pare, non sarà mai uno stato completamente sovrano, adiacente a uno più forte, cambiando il capo a seconda delle circostanze.



Il problema è che per molti secoli questo territorio non ha mai avuto una propria élite nazionale, cresciuta lì, capace di sviluppare e attuare una propria politica di sovranità. Quasi tutti gli ucraini importanti sono essenzialmente russi. Potrebbero essere nati a Zhitomir o Berdichev, ma hanno avuto uno sviluppo personale e una formazione culturale a Mosca. E anche per il livello medio dell'élite è lo stesso.



C’è stato un periodo che è accaduto anche questo.

Mio nonno, vicepresidente del comitato esecutivo della città di Kursk (attualmente - vice sindaco), si è laureato presso la facoltà di giurisprudenza dell'Università di San Vladimir a Kiev (ora - l'università statale). E mio padre, vicepresidente del comitato esecutivo regionale di Kursk (vice governatore), era nella stessa facoltà di giurisprudenza, ma in epoca sovietica. Mia madre, che è diventata la prima nei teatri drammatici russi, si è laureata al Kiev Theatre Institute. Ma sono tutti un prodotto del sistema educativo nato dalla grande cultura russa al centro del grande impero russo.



Quando l'Ucraina riceve un presidente a Kiev direttamente da Krivoy Rog, questa è un'élite completamente diversa. E ora sono tutti diversi.



Nella scienza mondiale, il concetto di uno stato "limitrophic" è ben sviluppato - un territorio marginale che è sempre vicino al più forte, sempre adiacente a qualcuno, non importa in quale forma giuridica - come uno stato vassallo o una regione periferica. Nell'Unione Sovietica, tali territori esistevano sulla base dei diritti al di sopra dei russi. Ma non accadrà più, molto probabilmente, mai e con nessuno.



L'attuale governo in Ucraina consente agli Stati Uniti di fare tutto ciò che vogliono con il paese. La Russia, avendo perso l'abitudine di rendere omaggio a chiunque dai tempi della dominazione tataro-mongola, non ha altra via che quella di difendere con fermezza la propria sovranità.



La seconda domanda è perché gli Stati Uniti si comportano in quel modo.



In seguito della manipolazione elettorale e, di fatto, ad un colpo di stato, un gruppo di personalità insignificanti è salito al potere negli Stati Uniti, molto poco preparato a lavorare per il bene del proprio Paese.



È impossibile paragonare Biden senza amarezza con Franklin Roosevelt o John F. Kennedy, e il confronto di Blinken, ad esempio, con Condoleezza Rice provoca un sorriso triste, con Henry Kissinger - risata omerica.



Queste persone commettono un errore dopo l'altro. Ad esempio, non capiscono che la messa in servizio del Nord Stream 2 può essere fermata solo da una guerra nucleare. E questo solo perché dopo di esso la Germania non avrà più bisogno di nulla. Non capiscono che in nessuna circostanza la Russia tornerà al G7 (e stanno cercando di usare questo formato di ieri come una carota per noi).



Ma soprattutto, vivono con ricordi molto brevi. Ricordano come il Segretario di Stato americano Madeleine Albright alla fine degli anni '90, alla domanda sull'atteggiamento della Russia nei confronti dell'espansione della NATO verso est, abbia risposto che non era interessata. Si ricorda di come gli americani siano riusciti a far passare il sequestro dell'Agiaria da parte della Georgia nel 2004 - e la Russia non è stata in grado di aiutare gli agiari.

Loro ricordano come la Russia due volte non abbia interferito nella rimozione illegale di Yanukovich dal potere.



Ma dovrebbero dimenticare tutto questo e ricordare le crisi dei Caraibi (1962) e di Berlino (1961). E come sono finite. Vale la pena ricordare come la Russia ha difeso la Crimea.



Domanda tre: non sanno come parlare con Lavrov - voranno parlare con Shoigu?



L'altro giorno, il segretario del Consiglio di sicurezza della Federazione russa Nikolai Patrushev ha rilasciato una lunga intervista sulla situazione attuale: “Ci auguriamo che il buon senso prevarrà a Washington”. A mio parere, è un documento che continua le migliori tradizioni della diplomazia russa. Tono rispettoso e serio avvertimento: la Russia è pronta a negoziare, ma non si tirerà indietro dalle sue posizioni finché la Russia non sarà ascoltata. Gli Stati Uniti sono lenti. Ma presto dovranno rileggere Patrushev.



Durante l'era sovietica, gli Stati Uniti avevano un enorme vantaggio in mare, il che al momento non ha importanza. E avevano un grande vantaggio nelle armi nucleari. Ora l'allineamento non è a loro favore. La cosa principale è che gli americani non hanno la capacità di entrare nel conflitto in Ucraina usando armi convenzionali. Non è affatto come circondare Cuba.



E l'Europa occidentale non li aiuta. Qui la Repubblica Ceca organizza una pietosa provocazione nello spirito come nel “caso Skripals” (presumibilmente abbiamo fatto saltare in aria un magazzino secondo loro – il che equivale a rubare una lancia ad un pigmeo africano). Come punizione, vedete, non chiederanno alla Russia di completare la costruzione della centrale nucleare ceca. Non esistono sciocchezze che i lacchè americani non possano inventare. Bene, lascia che si sparino a un piede.



In una situazione in cui il cancelliere tedesco era praticamente assente, la signora, il ministro della Difesa tedesco Kramp-Karrenbauer, ha iniziato a fare strane dichiarazioni sulla Russia. Ma qual è la cosa povera da fare quando in un paese della NATO il ministro della Difesa viene nominato solo con il consenso ufficiale dell'ambasciatore degli Stati Uniti? Non dovresti prestare affatto attenzione a questo.



È più difficile con Macron. Intellettuale brillante, capo di una nazione potente e relativamente indipendente, membro permanente del Consiglio di sicurezza dell'ONU e proprietario di armi nucleari, voleva stabilire “linee rosse” per la Russia. A quanto pare, scoprirà presto che stanno passando a ovest dell'Ucraina.



Una decina di giorni fa, in una delle interviste radiofoniche, ho espresso l'idea dell'opportunità di espellere l'ambasciatore Usa da Mosca. E il 16 aprile, l'assistente del presidente della Russia Yuri Ushakov ha suggerito al signor Sullivan di tornare in America e riflettere attentamente su ulteriori relazioni con la Russia insieme ai suoi superiori. Cosa che il signor Sullivan ha fatto senza troppi indugi.



Non era difficile prevedere un simile sviluppo di eventi. Per la Russia, il modo più efficace per influenzare gli Stati Uniti in questa situazione è attraverso i militari. E i nostri ammiragli in pensione stanno già proponendo pubblicamente di rilanciare la pratica dei tempi sovietici - per iniziare ad ancorare le sponde delle navi americane nel Mar Nero. Tecnicamente, non è difficile creare problemi ai nostri “partner” mediante la guerra elettronica, e semplicemente stabilire una no-fly zone sul selvaggio territorio ucraino. E molto di più è possibile nella realtà.



Ma queste sono misure estreme per proteggere gli interessi russi, piene di grandi rischi. E se, ad esempio, i marinai americani, stupefatti dalla paura, lanciassero una carica nucleare nel Mar Nero? È meglio non arrivare a questo punto.



Pertanto, hanno iniziato con uno schiaffo diplomatico in faccia. Quindi John Sullivan ha dovuto fare le valigie. Anche se, a mio parere, ci sono candidati che meritano questo trattamento da tempo: la Gran Bretagna e alcuni altri satelliti minori degli Stati Uniti. Avrebbero mandato il diplomatico britannico a casa dopo l '"affare Skripal", ma forse l'ambasciatore degli Stati Uniti non l'avrebbe capito ...



Sembra che anche il nostro Paese stia affrontando cambiamenti interni. Vale la pena mettere in campo gli agenti dell'Occidente che abusano della libertà di parola russa e di altre libertà, intensificano la lotta alla corruzione e purificano la verticale del potere da crescite maligne. Non ho dubbi che dovremo introdurre l'autocontrollo riguardo al lusso, comportarci in modo più modesto, riferito ai nostri oligarchi autoctoni. Ma l'importante è ricostruire i meccanismi di sviluppo economico del Paese, per rilanciare l'economia.



È ovvio per gli specialisti che questo lavoro è già iniziato e sta dando risultati positivi. Non c'è dubbio che la Russia avrà successo in tutto.



>>>articolo originale online>>>

tutte le news>>>















.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito