Elezioni USA 2020


06 febbraio 2021
Time magazine confessa (quasi) tutto di come è stata orchestrata la frode elettorale.

Time magazine confessa (quasi) tutto di come è stata orchestrata la frode elettorale. 

Un'impresa bipartitica finanziata dalle più grandi corporation americane.

Con l'arroganza di chi ha vinto con la frode, i media del regime (deep state + grandi corporation private) spiattellano in pubblico il copione che è stato recitato durante le elezioni e immediatamente dopo per assicurarsi l'elezione illegale della loro pedina (Biden). 

(Vedi anche il  commento di Darren Beatty su https://rumble.com/vdlgu7- )



https://time.com/5936036/



The Secret History of the Shadow Campaign That Saved the 2020 Election 

La storia segreta della campagna elettorale ombra che ha salvato le elezioni del 2020


...Una seconda cosa strana è accaduta tra i tentativi di Trump di invertire il risultato: le multinazionali americane si sono rivoltate contro di lui. Centinaia di importanti leader aziendali, molti dei quali avevano appoggiato la candidatura di Trump e sostenuto le sue politiche, lo hanno invitato a concedere la vittoria a Biden. Per il presidente, qualcosa non andava.È stato tutto molto, molto strano”, ha detto Trump il 2 dicembre. “Pochi giorni dopo le elezioni, abbiamo assistito a uno sforzo orchestrato per proclamare il vincitore, anche se molti stati chiave erano ancora in fase di conteggio”. 


 Trump aveva ragione. 


 C'era una cospirazione che si stava svolgendo dietro le quinte, che ha limitato sia le proteste che coordinato la resistenza dei dirigenti delle grandi multinazionali. Entrambe le sorprese sono state il risultato di un'alleanza informale tra attivisti di sinistra e titani del business. Il patto è stato formalizzato in una dichiarazione congiunta concisa e poco notata della Camera di Commercio degli Stati Uniti e dell'AFL-CIO, pubblicata il giorno delle elezioni. Entrambe le parti arriverebbero a vederlo come una sorta di patto implicito - ispirato alle massicce, a volte distruttive proteste di giustizia razziale dell'estate - in cui le forze del lavoro si univano alle forze del capitale per mantenere la pace e opporsi all'assalto di Trump alla democrazia . La stretta di mano tra imprese e lavoratori è stata solo una delle componenti di una vasta campagna trasversale per proteggere le elezioni: uno straordinario sforzo ombra dedicato non a vincere il voto ma a garantire che fosse libero ed equo, credibile e incorrotto. 


Per più di un anno, una coalizione di operativi vagamente organizzata si è affrettata a sostenere le istituzioni americane mentre venivano attaccate simultaneamente da una pandemia spietata e da un presidente incline all'autocrazia. 


Sebbene gran parte di questa attività si sia svolta a sinistra, è stata separata dalla campagna di Biden e ha attraversato le linee ideologiche, con contributi cruciali da parte di attori apartitici e conservatori. Lo scenario che gli attivisti ombra cercavano disperatamente di fermare non era una vittoria di Trump. 


È stata un'elezione così disastrosa che non è stato possibile discernere alcun risultato, un fallimento dell'atto centrale di autogoverno democratico che è stato un segno distintivo dell'America sin dalla sua fondazione. Il loro lavoro ha toccato ogni aspetto delle elezioni. 


Hanno convinto gli stati a cambiare i sistemi di voto e le leggi e hanno contribuito a garantire centinaia di milioni di finanziamenti pubblici e privati. 


Hanno respinto le cause per gli elettori morti, reclutato eserciti di scrutatori elettorali e hanno convinto milioni di persone a votare per posta per la prima volta. Hanno spinto con successo le società di social media a prendere una linea più dura contro la disinformazione (sic) e hanno utilizzato strategie basate sui dati per combattere le diffamazioni virali. 


Hanno eseguito campagne nazionali di sensibilizzazione del pubblico che hanno aiutato gli americani a capire come si sarebbe svolto il conteggio dei voti per giorni o settimane, impedendo alle teorie del complotto di Trump e alle false affermazioni di vittoria di ottenere più trazione. Dopo il giorno delle elezioni, hanno monitorato ogni punto di pressione per garantire che Trump non potesse ribaltare il risultato. 


La storia non raccontata delle elezioni sono le migliaia di persone di entrambi i partiti che hanno ottenuto il trionfo della democrazia americana fin dalle sue fondamenta”, dice Norm Eisen, un importante avvocato ed ex funzionario dell'amministrazione Obama che ha reclutato repubblicani e democratici nel consiglio di amministrazione del Programma di protezione degli elettori. (...)



>>>articolo originale online>>>

tutte le news>>>















.

.
Informativa
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.
Si possono conoscere i dettagli, consultando la nostra privacy seguendo il link di seguito.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
In caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Altre informazioni

Ok entra nel sito